La potenza espressiva nelle opere di Mauro Maisel

November 5 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Mauro desidera dal fruitore la comprensione spontanea di quello che c’è in lui, la condivisione delle emozioni pure e incontaminate, la partecipazione interattiva a valorizzare la bellezza e la grazia dell’arte

"Mauro desidera dal fruitore la comprensione spontanea di quello che c’è in lui, la condivisione delle emozioni pure e incontaminate, la partecipazione interattiva a valorizzare la bellezza e la grazia dell’arte". Così scrive la Dott.ssa Elena Gollini, curatrice, critica e giornalista d'arte parlando dell'arte di Mauro Maisel e continua: "Il suo ego creativo non è isolato e ripiegato su se stesso, non si limita soltanto ad uno scandaglio di autocoscienza, ma si apre al dialogo e al confronto all’insegna di un concetto di esistere anche fuori di noi per ritrovare e recuperare frammenti e segmenti di un’essenza vitale, che pensavano essere andati perduti".
Di seguito l'intervista all'artista.

D: Come coniughi nel tuo fare arte i concetti di potenza espressiva e dimensione allusiva?
R: La potenza espressiva è ciò che curo prevalentemente, l'uso dei colori, la brillantezza delle opere finite. Voglio che l'occhio di chi osserva sia catturato dall'irregolarità dell'opera e di conseguenza evocare pensieri e domande nell'osservatore.

D: Come inserisci all'interno del tuo percorso creativo l'auto riflessione analitica?
R: È d'obbligo, quando si realizza un'opera, fermarsi a riflettere durante la realizzazione! Per forza, il dubbio di star facendo bene deve sempre esser presente.

D: Cosa devono possedere le tue opere per avere un'efficace e incisiva funzione comunicativa?
R: Devono avere un titolo ed un tema che rispecchia l'opera, anche ridicolo e che faccia sorridere! Deve sorprendere anche il titolo e la descrizione oltre all'opera.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere