Home news Societa Comunicato

Sei una calamita per le zanzare? Un nuovo studio

June 29 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Uno nuovo studio vuole analizzare le basi genetiche che rendono alcune persone più attraenti per le zanzare rispetto ad altre. I risultati potrebbero aiutare a sviluppare un repellente naturale contro questi insetti, che in alcuni casi sono vettori di malattie pericolose.

Un gruppo di ricercatori britannici ha lanciato una nuova indagine sul ruolo della genetica umana in questo processo. Gli scienziati prevedono di raccogliere calzini maleodoranti di 200 coppie di gemelli identici (omozigoti) e non identici (eterozigoti) per poi metterli in una galleria del vento piena di insetti e vedere che cosa succede. I proprietari delle calze, sperano i ricercatori, potrebbero produrre naturalmente sostanze chimiche attraenti o repellenti che potrebbero diventare la base per futuri progetti di controllo delle zanzare.
Gli scienziati si aspettano che le preferenze delle zanzare per gli indumenti e l'analisi dei composti odorosi emessi dagli indumenti stessi, associati alla genetica dei proprietari, possano essere d'aiuto.

I ricercatori sanno già che tra noi esistono differenze che contribuiscono a far pungere alcuni più di altri. In particolare, quelli di noi che espirano più anidride carbonica sembrano essere un faro naturale per le zanzare. I ricercatori hanno trovato una correlazione anche con la dimensione del corpo: le persone più alte e robuste tendono ad attrarre di più, forse per la loro produzione di anidride carbonica o per la superficie corporea più grandi.
Esiste anche qualche prova che le donne in gravidanza o in alcune fasi del ciclo mestruale sono più attraenti per questi insetti.

"Questo lavoro inedito è un buon passo avanti. Ci dirà se ci sono o meno differenze genetiche, ma non offrirà una risposta completa sull'attrazione delle zanzare poiché altri fattori come dieta, vento, ora del giorno e specie di zanzara, possono tutti influire su questa attrazione”, dice Syed Zainulabeuddin, professore di scienze biologiche all'Università di Notre Dame, che studia comportamento e movimento delle zanzare influenzati dall'odore.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Leonardo Breccolenti
responsabile sito web - Il Flauto Magico srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere