Il 27% di tutto il malware della storia dell’informatica è comparso nel 2015

January 28 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

È stato registrato un totale di 84 milioni di nuovi codici, con un incremento di 9 milioni rispetto al 2014 e una media giornaliera di 230.000 esemplari.

PandaLabs, i laboratori di Panda Security, hanno rilevato e neutralizzato oltre 84 milioni di nuovi malware durante il 2015, segnalando un incremento di 9 milioni rispetto all’anno precedente. Questi dati confermano la creazione di 230.000 nuovi esemplari ogni giorno. Lo scorso anno ha registrato il maggior numero di cyber attacchi in tutto il mondo, con un totale di 304 milioni di codici, cioè oltre un terzo di tutto il malware creato nella storia (27,63%).

Inoltre, sono stati 12 mesi difficili per alcune multinazionali che hanno subito furti di dati su larga scala e intrusioni nei propri sistemi informatici.
“Prevediamo che il numero di nuovi malware continuerà a crescere,” spiega Luis Corrons, Direttore Tecnico dei Pandalabs, “e non possiamo dimenticare che la creazione di milioni di Trojan e di altre minacce corrisponda alle esigenze dei cyber criminali di colpire sempre più utenti per ottenere ritorni maggiori.”

I malware più potenti del 2015: Trojan e PUP

Nel corso del 2015 abbiamo assistito alla diffusione di Trojan, PUP (Potentially Unwanted Program) e differenti famiglie di Cryptolocker in numerose aziende in tutto il mondo, veicolati attraverso vasti attacchi che hanno condotto al furto di migliaia di dati confidenziali.
I Trojan sono stati ancora una volta la principale specie di malware, con il 51,45%, seguiti da virus (22,79%), worm (13,22%), PUP (10,71%), e spyware (1,83%).
Insieme ai pericolosi Trojan, il ransomware Cryptolocker è stato protagonista degli attacchi dello scorso anno. Come afferma Corrons, “Cryptolocker è la scommessa migliore per i cyber criminali, essendo uno dei metodi più semplici attraverso cui ottenere denaro. È molto efficace, specialmente con quelle aziende pronte a pagare per riottenere i dati rubati.”

Le più grandi infezioni causate dai Trojan

Tra tutte le tipologie di malware che hanno causato vaste infezioni nel mondo, i Trojan sono stati i principali, con una media del 60,30%, il 5% in meno rispetto al 2014. I PUP sono stati particolarmente dannosi, con circa un terzo delle infezioni causate da tecniche per ingannare gli utenti e accedere così ai loro computer. Seguono adware/spyware con il 5,19%, worm 2,98% e virus 2,55%.

La Cina resta il paese più colpito

Il 2015 si distingue come uno degli anni con il più alto tasso di infezioni causate agli utenti. A livello geografico, la Cina è stato il paese più colpito, con il 57,24% dei computer infetti, e un incremento quasi del 30% rispetto al 2014. Segue Taiwan, con il 49,15% e la Turchia con il 42,52%. Questi tre paesi sono sul podio dal 2013.
Anche Colombia, Uruguay e Spagna sono presenti nell’elenco delle nazioni con un livello di infezioni superiore alla media, rispettivamente con il 33,17%, 32,98% e 32,15%.
I paesi nordici sono i meno colpiti
In base ai dati raccolti, tra le dieci nazioni meno colpite nove sono situate in Europa, accompagnate dal Giappone. Sul podio, tre paesi scandinavi: Finlandia (20,32%), Norvegia (20,51%) e Svezia (20,88%).
Il report completo è disponibile su http://www.pandasecurity.com/mediacenter/reports/

Per ulteriori informazioni www.pandasecurity.com.

Link:

Licenza di distribuzione:
Rosy Auricchio
Account Manager - Grandangolo Communications srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere