Controlli alle frontiere, notevoli i danni per le imprese dell’autotrasporto

September 22 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L'UETR, l'associazione europea autotrasportatori, chiede alla Commissione Ue che vengano rimossi i controlli alle frontiere per i danni economici subiti.

La questione dei controlli alle frontiere ripristinati da alcuni Paesi dell’area Schengen torna a tenere banco negli ultimi giorni tra gli autotrasportatori europei, esaminati gli ingenti danni economici subiti soprattutto dalle piccole e medie imprese del comparto. Torna a ribadirlo a gran voce direttamente l’UETR – l’organismo comunitario rappresentante le associazioni di categoria – che ha il compito di curarne interessi e rapporti con gli organi decisionali dell’Ue.

E proprio in virtù di questa sua funzione, l’UETR ha voluto chiamare all’attenzione il Presidente della Commissione Ue – Claude Juncker – mediante una lettera aperta con la quale si evidenzia proprio questo disagio, ovvero come i controlli alle frontiere di alcuni Paesi, e i conseguenti notevoli tempi di attesa, stiano determinando rilevanti danni economici, in particolare alle piccole e medie imprese. Danni che, si legge nelle missiva, sarebbero stati più limitati se fossero state adottate misure alternative, come ad esempio l’apertura di corsie preferenziali riservate esclusivamente ai veicoli commerciali europei.

Ad accodarsi all’iniziativa anche Confartigianato trasporti, rappresentata da UETR a livello europeo, che ha più volte denunciato i tanti disagi per le imprese del settore e le inevitabili ricadute sulla nostra economia causati dalla decisione di ristabilire i controlli alle frontiere. Disagi di cui sono testimoni tutti i vettori del trasporto merci su strada, inclusi coloro che viaggiano con bisarca trasporto auto tra l’Italia e il resto dell’area comunitaria.

In sostanza, quello che l’UETR chiede al Presidente della Commissione Ue Juncker è il ripristino della regolare circolazione delle merci e degli scambi in generale all’interno dell’Unione, e di configurare i controlli alle frontiere come un’eccezione, nel rispetto del principio di proporzionalità. Per questo il suo compito deve essere quello di sollecitare gli Stati membri affinché rivedano alcuni parametri della politica di controllo dei confini, al fine di evitare che i più importanti principi fondativi della Comunità Europea possano essere violati.

Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessandro Farucci
Responsabile pubblicazioni - Deslab.it snc
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere