Vendere su Internet: alcuni spunti utili

December 12 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Voglio offrirti alcuni spunti utili per vendere su internet: questo articolo è adatto sia se hai già una buona conoscenza del mondo e-commerce, sia se sei totalmente a digiuno. Dopo una breve premessa iniziale, ti illustrerò alcuni dei servizi più popolari esistenti attualmente sul mercato.

In questo articolo voglio darti alcune dritte riguardanti la vendita online e il mondo degli e-commerce.

Prima di procedere tuttavia, soprattutto se sei a digiuno dell’argomento, vediamo cosa è un sito e-commerce, senza scendere eccessivamente in dettagli tecnici.


Cosa è un sito e-commerce

Un e-commerce, chiamato anche negozio (o shop) online, è una vetrina di vendita su internet, dove il negoziante vende i suoi prodotti al consumatore, che, comodamente seduto da casa effettua il suo acquisto.

La cosa incredibile è che chi acquista può ricevere il prodotto direttamente a casa in tempi di consegna più o meno rapidi!
La vendita online è un fenomeno in crescita esponenziale.

Ti basta sapere che solo nel 2017 in tutto il mondo 17,9 miliardi di persone (fonte E-Commerce in Italia 2018: Casaleggio Associati) hanno effettuato un acquisto online.

Cosa possono acquistare le persone su internet?

Praticamente tutto:
- Prodotti tecnologici
- Abbigliamento e cosmetici
- Prodotti per la casa e il giardinaggio
- Giocattoli e videogiochi
- Prodotti per l’ufficio
- Prodotti artigianali
- Prodotti alimentari

E l’elenco non finisce qui.

Ormai il mondo della vendita online spopola e sebbene ci siano persone scettiche, che non effettuerebbero un acquisto nemmeno sotto tortura, è innegabile che il fenomeno sia in continua espansione.

E anche la sicurezza degli acquisti è nettamente aumentata rispetto al passato!

Acquistare online non è mai stato così sicuro come oggi e offre alle persone enormi vantaggi. Ad esempio si può acquistare comodamente seduti a casa, scegliendo tra vasti cataloghi di prodotti, che spesso un negozio fisico non offre.

Attento però!

Avere un negozio online non è sufficiente per vendere, perché oltre allo sviluppo software sono richieste attività di marketing, posizionamento dei propri prodotti sui motori di ricerca, customer care, gestione e aggiornamento periodico del catalogo, ecc.

Avere un e-commerce richiede un investimento sia iniziale, per avviare il progetto, che periodico.

Tuttavia offre degli indubbi vantaggi.

Se decidessi di vendere su internet potresti:
- ampliare la tua offerta
- raggiungere persone molto lontane da te o vendere all’estero
- aumentare i margini di guadagno.
- non essere costretto ad avere un negozio “fisico”.

E molto, molto altro..


Non approfondiremo questi aspetti in questa sede, ma se sei interessato, puoi comunque dare un’occhiata al mio sito Web, che trovi a fondo pagina.

Ora che sei pronto, possiamo addentrarci nel vivo di questo articolo.


I migliori siti su cui vendere Online

Qui di seguito ti presento alcuni dei servizi più utilizzati, su cui gestire il tuo catalogo di prodotti e gli ordini.

Amazon: è uno dei marketplaces più grandi di Internet, che ti offre la possibilità di gestire il tuo catalogo, monitorare i tuoi ordini; inoltre ti libera dall’onere di occuparti delle spedizioni in quanto è Amazon stessa a ritirare presso la tua sede il pacco che dovrai spedire ai tuoi clienti.

Ebay: nasce come sito di aste online, nel tempo è diventato un marketplace a tutti gli effetti, esattamente come Amazon e al suo interno puoi vendere articoli sia nuovi che usati, inoltre puoi vendere i tuoi oggetti sia a un prezzo fisso che in asta.

Shopify: offre la possibilità di avere un tuo negozio online a prezzi accessibili (a partire da 9 dollari al mese), in cui chi acquista potrà farlo con carta di credito o paypal e scegliere il metodo di spedizione più adatto alle sue esigenze. A differenza di Amazon, in questo caso dovrai tuttavia gestire tu la spedizione verso il cliente finale.

Etsy: è un marketplace in via di espansione, dedicato alla vendita di prodotti artigianali e fatti a mano.

Tutte queste soluzioni prevedono tuttavia che i tuoi contenuti, ovvero le informazioni inerenti al tuo catalogo e le vendite siano gestite tramite piattaforme esterne e, quindi, non all’interno del tuo sito Web.

Cosa fare quindi se vuoi usare il tuo sito per vendere su Internet?



I migliori CMS per vendere online

Un CMS, acronimo di Content Management System, è un sistema che permette di gestire i contenuti del tuo sito, in maniera visuale. Quindi, puoi gestire pagine, immagini, articoli senza avere conoscenze tecniche approfondite.
Sicuramente è la soluzione ideale se non vuoi mettere mano al codice del tuo sito Web!


Il CMS più popolare in assoluto per gestire i contenuti del tuo sito è Wordpress.

Non è nato per gestire un e-commerce, tuttavia tramite il modulo WooCommerce ti consente di realizzare un piccolo negozio all’interno del tuo sito.

Sebbene sia sotto alcuni aspetti limitato, è una soluzione abbastanza diffusa ed economica.


Esistono tuttavia CMS finalizzati alla vendita online più adatti allo scopo e che vediamo di seguito.

Magento: è la piattaforma e-commerce più popolare, esiste in diverse versioni tra cui una open source, che puoi scaricare gratuitamente. Offre garanzie di sicurezza, affidabilità e scalabilità e prestazioni elevate anche con cataloghi di migliaia di articoli, con picchi di traffico elevati. Grazie alla sua community attiva, viene continuamente aggiornata per offrire garanzie di sicurezza maggiori, inoltre esiste un marketplace con estensioni che offrono funzionalità avanzate (ad esempio moduli per offrire metodi di pagamento aggiuntivi, come XPay, GestPay di Bancasella, integrazione con corrieri come Bartolini, TNT, GLS, ecc)

Prestashop: come Magento, è una delle piattaforme e-commerce più diffuse. Rispetto al suo diretto concorrente è più snello e intuitivo e richiede un minor sforzo di apprendimento e personalizzazione, inoltre richiede meno risorse hardware.

Anche prestashop è open source e gratuito, tuttavia Magento offre una più ampia gamma di funzionalità, prestazioni, una scalabilità maggiore per siti di medie e grosse dimensioni e funzionalità SEO che altre piattaforme similari non hanno.
In entrambi i casi, come per altri CMS, è comunque richiesto un investimento tecnologico (più o meno elevato a seconda delle tue esigenze), inoltre sono necessarie competenze tecniche avanzate che, invece, non sono richieste, ad esempio, su Wordpress.
Quindi, nel caso in cui tu voglia un sito E-Commerce con determinati requisiti di prestazione e affidabilità, ti consiglio di orientarti su un CMS dedicato alla vendita online come Magento oppure Prestashop e affidarti, in questo caso, a professionisti competenti sia per gestire la parte hardware, che software.

Conclusioni

Come hai potuto vedere le strade principali, per realizzare il tuo sito E-Commerce, sono due.

La prima è quella dell’affiliazione con un marketplace o una piattaforma di vendita, come Amazon oppure Shopify.

La seconda è quella di usare un tuo spazio Web, per ospitare il tuo sito E-Commerce e installare un CMS come Magento oppure Prestashop (se però hai esigenze limitate, Wordpress va benissimo!).

Come ti ho già accennato, avere un negozio online, non significa automaticamente riuscire a vendere: dovrai prevedere un insieme di attività fondamentali, se vuoi riuscire a creare un e-commerce di successo.

In un prossimo articolo vedremo quali sono, nella pratica, i passi da fare per realizzare il tuo primo negozio online.
Se vuoi saperne di più, sul mio sito pubblico periodicamente articoli di carattere generale, dedicati alla vendita online e a Magento e-commerce, di cui sono consulente.

A presto,
Nicola Sodano



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere