Stanchezza, cattivo umore, mancanza di concentrazione e malessere fisico...? Tranquilli, è il cambio di stagione!

October 8 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L’autunno si caratterizza per la costante diminuzione della temperatura, della luce e del calore; per l’aumento di umidità; per una riduzione dei cicli vitali della natura che ci circonda. Sarebbe saggio seguire questi cambiamenti con un’alimentazione adeguata. Ma cosa ci offre l’Autunno?

L’autunno si caratterizza per la costante diminuzione della temperatura, della luce e del calore; per l’aumento di umidità; per una riduzione dei cicli vitali della natura che ci circonda. Sarebbe saggio seguire questi cambiamenti con un’alimentazione adeguata.

Ma cosa ci offre l’Autunno?

L’alimentazione moderna ha perso l’abitudine di seguire l’evoluzione delle stagioni a favore di un cibo pressoché identico durante tutto l’anno, con la conseguenza di non usufruire di tutti i benefici che ci riserva madre natura per prepararci ad affrontare il freddo estremo così come il caldo.

L’autunno si caratterizza per la costante diminuzione della temperatura, della luce e del calore; per l’aumento di umidità; per una riduzione dei cicli vitali della natura che ci circonda. Sarebbe saggio seguire questi cambiamenti con un’alimentazione adeguata.

Ma cosa ci offre l’Autunno? Sicuramente tanta buona frutta…

L’uva, frutto che ci accompagna per la maggior parte del periodo autunnale, è ricca in ferro, calcio, fosforo, vitamina A, C, e B, e possiede proprietà antiossidanti e anticancro.
Dolce e zuccherina è un alimento dall’elevato contenuto energetico e calorico. Poco adatto a chi segue una dieta in cui è necessario mantenere la glicemia in certi limiti, è invece indicata nelle diete rivolte agli sportivi, che potranno consumarla tranquillamente anche un’ora prima dell’allenamento assicurandosi un pieno di zuccheri e sali minerali.
Attenzione invece se soffrite di colonpatia: il consumo di questo frutto è infatti sconsigliata in presenza di patologie a carico del tratto intestinale o in presenza di colon irritabile.

La pera invece, fonte naturale di acqua e sali minerali come potassio, fosforo, calcio e magnesio, è un frutto che fornisce zuccheri semplici senza mettere a rischio la nostra linea. Inoltre, grazie all’elevato contenuto in fibra principalmente la lignina e la pectina, aiuta a regolarizzare l’intestino in modo naturale.
La presenza invece di vitamine A, B e C, favorisce il recupero muscolare, previene la formazione delle rughe, e migliora la circolazione sanguigna.

Melograno. Il frutto del melograno è molto ricco di sali minerali e di vitamine; presenta, inoltre, notevoli proprietà antiossidanti. Secondo alcuni recenti studi scientifici, aiuterebbe anche nel controllo del colesterolo. il melograno contiene acido ellagico, un polifenolo antiossidante, presente principalmente nella buccia, dalle interessanti proprietà antitumorali. Tutte queste caratteristiche fanno del melograno uno dei più ricchi alimenti dell’autunno che però, forse, troviamo troppo poco frequentemente sulle nostre tavole.

Kiwi. Ricchissimo di vitamina C è utile per prevenire il raffreddore e per rinforzare il sistema immunitario. Ha proprietà antiossidanti e aiuta la motilità intestinale. Contiene infine una buona quota di calcio e fosforo.

Regina incontrastata dell’autunno è invece la mela. La mela è forse il frutto che più si utilizza in autunno e nei mesi invernali. Ottima anche cotta è ideale per la preparazione di gustose ricette. Esistono tante varietà diverse ed ognuna presenta le proprie caratteristiche nutritive.. Le mele sono il primo frutto che si introduce nell’alimentazione del bambino e sono un’ottima merenda a partire dai 5/6 mesi di età. Oltre all’elevato contenuto in sali minerali come potassio, magnesio, sodio, ferro, fosforo, zolfo, calcio, sodio, e vitamine, aiuta a contrastare stanchezza e nervosismo, favorendo i processi digestivi.
È inoltre un frutto con pochissimi zuccheri, ricco di pectina che contribuisce a tenere sotto controllo il tasso glicemico contenuto nel sangue.

Seguono le arance, note a tutti per l’elevato contenuto in vitamina C.
Questo frutto è in grado di stimolare la funzionalità intestinale e la sensazione di sazietà. Esse sono ricche di vitamine, fibre e sali minerali.
Inoltre grazie alla presenza di numerosi antiossidanti, polifenoli e terpeni, sono estremamente preziosi per mantenere elastica e giovane la pelle.
Attenzione però se soffrite di gastrite o di reflusso gastroesofageo! In questi casi infatti il consumo di arance causerà un aumento dell’acidità gastrica.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere