Quanto costa un consulente finanziario?

February 26 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Una delle domande che spesso si pone il risparmiatore è quanto costino i servizi di un consulente finanziario. Questo è anche uno dei motivi che lo inducono a restare ancorato alla sua banca tradizionale, o peggio, a tentare ancora la sorte con il caro vecchio “fai da te”. Ma siamo sicuri che sia il risparmiatore a pagare i servizi del consulente finanziario? Oggi ti racconto una storia.

Entrare nel mondo degli investimenti

Eccoti qui. Sei ancora una volta davanti alla filiale bancaria di fronte casa. L’hai scelta per comodità, tanto una vale l’altra per te. Almeno non sei costretto a doverti allontanare troppo per raggiungerla.

Hai preso l’ennesimo appuntamento per cercare di chiarirti meglio le idee sugli investimenti che hai attivato. Non ne sei molto soddisfatto e neanche hai capito bene se facciano al caso tuo, come affermato con determinazione dal bancario più volte.

Così, carico di aspettative e con le migliori intenzioni, provi a capirci qualcosa… di nuovo!

Ti siedi, gli parli, provi a dare le tue spiegazioni in merito alle perplessità che affiorano in te, ma alla fine lui è sempre pronto a dirti di non doverti preoccupare. Aspetta e vedrai.

Così esci per l’ennesima volta dalla filiale, più confuso di quando sei entrato, senza che sia cambiato nulla, e ti convinci di aspettare.




Desiderare qualcosa di più

Eppure, secondo te, qualcosa in più potresti ottenerlo. Ma alla fine non hai tempo di starci a pensare. Il lavoro ti prende troppo e sai bene che anche cambiando banca, non è che cambierebbero di molto le proposte.

Poi il bancario ha detto che quelle fanno proprio al caso tuo, no? Quindi basterà aspettare.




Le bugie che ti racconti

Tu, come tutti i risparmiatori nella tua situazione, sei affetto da una brutta dipendenza: affidarti alle persone senza acquisire prima le giuste informazioni. Quindi, tendi a finire per credere a tutto quello che ti vien detto senza capirne realmente il valore.

Anno dopo anno, continui nei tuoi investimenti in banca che non portano risultati e che, soprattutto, nessuno ti spiega. Ma tanto ti hanno detto di aspettare.

E tu ci credi, sei lì che un po’ per noia, un po’ per pigrizia, fai fare tutto agli altri.




Quando non vai oltre il tuo naso

Sempre a causa di questo vizio cronico di lasciar correre, sei finito anche per escludere a priori le altre soluzioni e figure professionali a cui potresti rivolgerti. Hai sentito parlare, ad esempio, dei consulenti finanziari. Ma dicono in giro che sono dei liberi professionisti, e in quanto tali, i loro servizi prevedono un costo (che tu ritieni di non dover sostenere). Alla banca, invece, non paghi niente. O almeno, questo è ciò che percepisci. L’unica cosa da pagare sono le imposte, ma su quelle puoi farci ben poco. E sarebbero uguali in tutti i casi.

A prendere in considerazione di investire autonomamente con piattaforme online non ci pensi nemmeno. Perché non hai già tempo e voglia di stare dietro al bancario, figuriamoci di fare tutto da solo. E poi ci vogliono le competenze, per non parlare del tuo lavoro che ti assorbe già più del necessario…

E meno male che non lo fai, aggiungerei… finiresti solo per peggiorare la situazione che già così è piuttosto grave. Del resto, se fosse facile, smetteremmo tutti di lavorare per dedicarci a fare trading comodamente ormeggiati sui nostri panfili ai Caraibi.




Facciamo il punto della situazione

Praticamente sono anni che provi a investire parte dei tuoi risparmi in strumenti finanziari proposti dal bancario “di fiducia” (ma fiducia poi di chi?) e, visto che “ti fidi”, fai fare tutto a lui e aspetti come ti ha detto di fare. Del resto, i frutti si sa, maturano col tempo.

Bene. Immagino sia passato del tempo e stai ancora aspettando. Magari senza averci capito ancora niente, oltre che non averci nemmeno guadagnato parte di quanto ti aspettavi.

E poi, aspettando, aspettando, dopo avere costruito con i vari incontri un rapporto con il gestore della tua banca sotto casa che ritieni essere di buon livello, una bella mattina ti rechi in filiale e ti dicono che il tuo ormai quasi amico è stato trasferito in un’altra filiale dall’altro capo della città. E che, da oggi in avanti, potrai rivolgerti con fiducia al nuovo gestore che saprà darti le migliori indicazioni e che proverà a instaurare con te un nuovo rapporto di fiducia.

Io non voglio colpevolizzarti, capisco che nella tua mente l’idea sia quella di far fare tutto a chi di competenza. È il suo lavoro, saprà sicuramente come farlo.

Ciò che non va bene, è il porti in maniera totalmente passiva ed estranea nei confronti di qualcosa che ti riguarda così da vicino.

Possibile che di valutare altre opzioni, per comprendere quale sia la migliore per te, non ti sia mai balenato per la testa?

Sì, lo so che il bancario ti ha detto che quell’investimento è fatto proprio per te. Eppure, ti svelo un segreto: prima e dopo di te, avrà detto la stessa cosa ad un altro centinaio di persone con vite totalmente differenti e obiettivi opposti ai tuoi.

Ti ha mentito? No, ha fatto solo il suo lavoro.

Tu, da risparmiatore consapevole, dovresti sapere che il bancario è vincolato a proporti solo strumenti finanziari legati alla propria banca. Quindi che ti aspetti? Che ti venga confezionato un vestito sartoriale di alta qualità in un grande magazzino?

Penso che saprai meglio di me che in questo modo non fai altro che illuderti inutilmente.

Esiste una soluzione?

La soluzione esiste sempre, ma se non la cerchi difficilmente riuscirai a trovarla. Sai come si chiama? Informarsi a dovere su tutte le possibilità a tua disposizione.

Mi dispiace, la risposta non cadrà dal cielo. Dovrai avere cura di trovarla tu. Direi che questo sia anche l’atteggiamento più sano da intraprendere per aver cura dei propri risparmi.

Da dove cominciare?

Per esempio, sfatando il mito che il consulente finanziario costi troppo e che sia tu a pagarlo.

Ma se ci pensi bene, questa informazione non te l’ha realmente raccontata nessuno. È stato solo un tuo pensiero.




Chi paga il consulente finanziario?

Ora ti racconto la verità. E la cosa ti stupirà piacevolmente.

Il consulente finanziario non è MAI pagato dal cliente finale! Anzi, è un reato percepire utilità o compensi dal cliente. Il consulente finanziario è remunerato esclusivamente dall’intermediario per il quale opera.

Esattamente come accade al bancario.

Rivolgendosi al consulente finanziario, il cliente pagherà le normali commissioni previste dai prospetti finanziari delle soluzioni di investimento nelle quali investirà i propri risparmi. Al pari delle medesime commissioni che pagherebbe se, a proporre l’investimento, fosse il dipendente della banca sotto casa.

Nonostante quindi, i costi siano pressoché allineati, sono molte le differenze tra bancario e consulente finanziario.




Il valore aggiunto del consulente finanziario

Ora che sai che, rivolgerti al consulente finanziario, non ti costa nemmeno un euro in più che lasciare fare tutto alla banca, potresti pensare di allargare un po' i tuoi orizzonti. Ad esempio, contemplando l’idea di sentire il punto di vista di un professionista che non sia coinvolto da rapporti lavorativi vincolati a una filiale bancaria.

Giusto per comprendere se e come poter mettere a lavorare i tuoi soldi nel modo più conveniente per te.

Il valore aggiunto di rivolgersi a un consulente finanziario, risiede nel poter realmente avvalersi percorsi di investimento personalizzati. Proprio perché non possiede alcun vincolo e ha la possibilità di proporre una vastità di strumenti finanziari, indicandoti costruzioni di portafoglio altamente personalizzate.

Pensando che avvalerti del consulente finanziario ti sarebbe costato caro, in realtà hai perso una grande possibilità di guadagno. Almeno fino ad oggi.

Questa è l’opportunità per ottenere quel tanto desiderato vestito sartoriale, allo stesso prezzo di un abito da grande magazzino.

Stesso prezzo, servizio di qualità, massima personalizzazione. Nel mondo degli investimenti funziona così.




Non è finita qui

Ci tengo a ribadire una cosa: delegare va bene, ma con intelligenza. Del resto, sono i tuoi percorsi di investimento che percorrerai sotto la sapiente guida del professionista al quale vorrai affidarti.

Per ottenere dei risultati concreti, è necessario che tu sia partecipe della vita dei tuoi investimenti e che abbia cura di mantenerti sempre informato.

Questa è una regola valida per qualsiasi tipo di investimento. Non sottovalutarla mai. Perché l’unico vero artefice del destino dei tuoi investimenti sei tu: nel bene e nel male.

Sono i comportamenti a generare risultati e non i mercati.

Tutto dipende da te e da come decidi di vivertela. È importante che tu stabilisca l’approccio mentale e morale da adottare.

Ora che ti ho dato tutte le informazioni che molto probabilmente per pigrizia ignoravi, hai due possibilità:

Continuare ad aspettare non so cosa che faccia fruttare i tuoi investimenti. Intanto tu continuerai a vivere in un oblio fatto di zero informazioni e nessun tipo di coinvolgimento nei tuoi investimenti;
Cogliere l’opportunità preziosa di comprendere tutte le possibilità e il valore degli investimenti a tua disposizione, che va ben oltre il confine della filiale sotto casa.


Se saprai scegliere l’opzione migliore, sappi che io ti aspetterò all’ingresso della sartoria per confezionare il miglior vestito su misura per te.



POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Fabrizio Oliva
Autore del blog - 4 passi nella finanza
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere