Home articoli Societa Articolo

Luce e gas: come trovare il fornitore più adatto sul mercato libero dell'energia

July 13 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

In Italia il mercato della luce e del gas è regolato attraverso le regole del mercato libero, ovvero della concorrenza tra diversi fornitori. In questo modo vi è una duplice libertà

In Italia il mercato della luce e del gas è regolato attraverso le regole del mercato libero, ovvero della concorrenza tra diversi fornitori. In questo modo vi è una duplice libertà: i diversi operatori del settore, rispettando delle regole comuni e universali, possono competere tra loro elaborando delle tariffe e dei servizi differenti e le persone sono libere di scegliere quelle che preferiscono. Si tratta di una modalità che ha ormai quasi completamente sostituito (perché in via di abolizione) il regime di mercato "tutelato", in uso fino a non molti anni fa.

Nel mercato libero, ogni fornitore di luce o gas metano ha la possibilità di determinare il prezzo della componente energia e gas, che rappresenta un aspetto fondamentale. Esistono infatti dei costi fissi, come ad esempio le tasse e i servizi di utilizzo della rete, che non possono essere modificati, in quanto stabiliti dall''autorità del settore. Questo aspetto porta i differenti fornitori a sviluppare tariffe tra loro differenti per il costo della materia prima, attraverso l'utilizzo di tariffe monorarie, biorarie o con sconti in bolletta.

Come scegliere il fornitore più conveniente

Ovviamente non esiste un fornitore in assoluto più conveniente degli altri. Come è normale che avvenga in un regime economico commerciale concorrenziale, i prezzi dipendono dalle offerte del momento e la migliore scelta dalle necessità specifiche di una famiglia.

A prima vista, quella della luce e del gas, può apparire una scelta difficile e disorientante. Per tale motivo è utile affidarsi a portali di comparazione come chescelta.it dove è possibile trovare guide e approfondimenti che aiutano l’utente a confrontare le migliori soluzioni disponibili sul mercato. In questo modo è possibile selezionare poi quella che si adatta maggiormente alle proprie necessità familiari.

Cosa valutare nella scelta

Quando una persona si trova a dover scegliere a quale fornitore rivolgersi per allacciare una fornitura di luce e gas o quando desidera fare un cambio gestore è importante valutare alcuni fattori utili. I principali al riguardo sono:

  • Costo di fatturazione di ogni kwh o Smc consumato.

  • Tariffazione monoraria o bioraria.

  • Opinioni dei clienti.

  • Presenza di sconti o offerte commerciali.

  • Prezzo fisso per un periodo di tempo.

  • Buon livello di assistenza ai clienti.


Ovviamente valutare la possibilità di cambiare fornitore non richiede nessuna modifica strutturale agli impianti e ai contatori ma è semplicemente un passaggio da gestire a livello "burocratico", ovvero amministrativo. La comparazione di questi aspetti potrebbe rendere evidente quale offerta del momento è maggiormente adatta per una determinata persona o famiglia.

Questa scelta dipende chiaramente anche dal numero di persone che vivono in una casa e dalle loro abitudini. Solo per fare un esempio infatti, per due persone che rientrano solitamente a casa nel tardo pomeriggio, per poi uscire di nuovo al mattino presto, sarà più conveniente preferire una tariffa bioraria, mentre per una famiglia numerosa è sempre preferibile una monoraria.

Informazioni aggiuntive

Le pratiche per il cambio di operatore sono solitamente veloci e richiedono pochi giorni lavorativi. E' anche importante essere a conoscenza del fatto che esiste il diritto di recesso. Ciò significa se un cliente sottoscrive un contratto per un cambio di fornitore per luce e gas ma poi si accorge di qualche aspetto di cui non era a conoscenza, può avvalersi del diritto di ripensamento.

Si tratta della possibilità di recedere in modo totalmente libero e senza pagare nessuna penale, entro 14 giorni dalla data di stipula del contratto. In ogni caso, essendo nel mercato libero, se una persona non è contenta del proprio fornitore e delle bollette che riceve può sempre provare a vedere cosa offre la concorrenza, in modo da ricercare una tariffa maggiormente conveniente. Per essere vantaggiosa, la scelta dovrà sempre tener conto del consumo annuo presunto di kwh e della diversa ripartizione nelle ore del giorno e della sera, oltre che dei vari giorni settimanali.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere