Home articoli Hi-tech Articolo

Hard disk corrotto: come recuperare i file

May 16 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Questo articolo ha lo scopo di identificare i 2 maggiori problemi che possono interrompere il tuo lavoro e farti correre il rischio di perdere documenti importanti, e il possibile metodo per avere indietro i tuoi file i più integri possibile.

Le possibilità di un recupero completo dei file di un hard disk corrotto dipendono dalla natura del problema che si è verificato sul computer. Infatti, non sempre è possibile procedere a un recupero completo, molto spesso alcuni dati verranno irrimediabilmente perduti (motivo per cui è buona regola provvedere sempre a dei backup periodici).

Partiamo dalla situazione più difficile: il guasto meccanico.

Un guasto meccanico di un componente del disco rigido può rendere il disco stesso inutilizzabile. Ad esempio, Windows in questi casi va subito in crash e non ti permette di riavviare il sistema perchè non riesce a riconoscere l’unità.

Se sei fortunato può trattarsi solamente di un cavo dell’alimentazione che si è rovinato, ma se senti dei rumori strani provenire dall’unità (una sorta di crepitio) è meglio che tu spenga al più presto il PC per evitare di fare danni e che contatti subito un tecnico specializzato nel recupero hard disk.

La seconda situazione è piuttosto comune: Windows non si avvia.

Succede quando Windows sviluppa un guasto che non gli permette di caricarsi all’avvio del sistema. Di solito si tratta di un software che funziona in modo anomalo oppure di un malware (virus), piuttosto che di un guasto al drive del computer come nel caso precedente. Per riuscire da recuperare i dati dal tuo PC hai bisogno, prima di tutto, di riuscire ad avviare Windows.

Puoi provare una delle seguenti strategie:

– Avvia Windows in modalità provvisoria;
– Avvia Windows utilizzando l’ultima configurazione funzionante scegliendo l’opzione all’avvio;
– Avvia Windows tramite un disco di avvio (va bene utilizzare il CD che è stato utilizzato per installare Windows la prima volta).

Una volta che sei riuscito ad avviare Windows e ad accedere ai tuoi file, puoi procedere al recupero di tutto il tuo materiale facendone una copia di backup su un disco esterno oppure su una chiavetta USB. Se non sei in grado di avviare Windows con nessuno di questi 3 metodi è necessario, anche in questo caso, contattare un tecnico specializzato.

Esiste anche una soluzione fai da te di tipo preventivo che consiste nell’installare sul tuo computer un software per il recupero dei file, ma devi tenere presente che non si tratta di software che garantiscono la riuscita dell’operazione al 100%, quindi non dovrai farci troppo affidamento. Oltretutto, maggiormente un PC viene utilizzato, maggiore sarà il numero di volte che i file verranno sovrascritti, minore sarà la possibilità di un recupero completo.



Licenza di distribuzione:
Cristian Frialdi
Responsabile pubblicazioni - Cristian Frialdi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere