Google Pay è sicuro? Ecco tutto ciò che c’è da sapere

June 22 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

News Digitale spiega i pagamenti tramite Google.

Google Pay è sicuro? Sicuramente ti sarai fatto questa domanda se ti sei imbattuto in quell’applicazione che ora decora il tuo smartphone, e newsdigitale.it ci viene ancora una volta in aiuto.

Cominciamo innanzitutto con il capire cos’è in realtà Google Pay: un portafoglio digitale collegato al tuo account Google.

Puoi usarlo per inviare o richiedere denaro con gli amici (un po’ come PayPal), usarlo per pagare sia nelle app che in un negozio o in un ristorante con un telefono Android.

Ciò che però lo rende particolarmente utile, è il fatto che sia più veloce e sicuro di una normale carta di debito o credito.

L’innovazione e la garanzia che dovrebbe soddisfare la tua esigenza di serenità è semplice: questa applicazione ti permette di effettuare pagamenti senza inviare i dati delle tue carte a chi sta ricevendo la transazione.

Google Pay è quindi sicuro, perché al posto dei dati utilizza un token, chiamato numero di conto virtuale, come stand-in.

Ovviamente il passo più difficile è capire come configurarlo correttamente, ma con una guida adeguata servono solo pochi passaggi.

Una volta completati, sarai in grado di effettuare i tuoi pagamenti con un semplice tocco dello smartphone.

Piuttosto comodo, no?

Appurato che Google Pay è sicuro, dovrai inizialmente attivarne le impostazioni.
Di seguito ti verrà chiesto di selezionare la tua carta di credito o di debito predefinita e da quel momento potrai iniziare ad utilizzarla nei negozi, nei ristoranti e anche su internet con estrema facilità.
Basterà trovare gli esercizi abilitati a questo genere di pagamento, che ormai sono molto numerosi.
Anche se ti abbiamo assicurato che Google Pay è sicuro, sarai comunque preoccupato per i dati delle tue transazioni.

In realtà l’unico dubbio può venire riguardo alla clausola che indica la destinazione dei tuoi dati per “altre funzionalità di Google Pay”.

Questo lascia inevitabilmente la porta aperta per annunci mirati, tuttavia, se sei già un utente Gmail, Google è già in grado di farlo da tempo, quindi non cambia niente.




POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere