Come rendere più sicuro il proprio PC

July 7 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Spesso ce ne dimentichiamo o addirittura trascuriamo questo aspetto, ma è fondamentale preoccuparsi della sicurezza del nostro pc, ne va dell'integrità dei nostri dati. Ecco quindi alcuni semplici consigli.

Operazione spesso trascurata, che richiede pochi minuti, ma indispensabile per la sicurezza dei propri dati. Eppure dovrebbe essere un automatismo spontaneo come chiudere la porta di casa.

Bene, vediamo ora una serie di passi da compiere per rendere il proprio pc maggiormente sicuro.

Abilitare gli aggiornamenti automatici

Anche se apparentemente il computer sembra stabile e funziona correttamente, dietro c'è un mondo pieno di insidie. Senza che noi ce ne accorgiamo un hacker potrebbe tentare di violare il nostro sistema sfruttando le vulnerabilità del sistema operativo.

Per impedire che ciò avvenga i produttori dei sistema operativi rilasciano costantemente degli aggiornamenti atti proprio a colmare i bug i presenti. Ecco perché nel nostro Windows andrebbe impostata l'installazione automatica degli aggiornamenti sia di quelli obbligatori che facoltativi che anche degli altri prodotti Microsoft.

Antivirus

È un software che è assolutamente indispensabile avere installato sul proprio computer. Per fare un paragone è come avere una casa senza il sistema d'allarme.

Ogni giorno nascono virus come funghi. Un virus costituisce una seria minaccia per la sicurezza del nostro computer in quanto una volta installato, è in grado di impossessarsi di dati sensibili come le credenziali di accesso al nostro home banking.

Capite quindi la gravità della situazione e l'assoluta necessità di avere installato un buon antivirus costantemente aggiornato. Il database dei virus va aggiornato altrimenti il software come farebbe a rilevare un nuovo virus?

Ne esistono di validi anche gratuiti e in italiano.

Posta elettronica

Tra le tante mail che si ricevono giornalmente, molti saranno i messaggi indesiderati, il cosiddetto spam.

In questa categoria rientrano messaggi pubblicitari, messaggi dai mittenti alquanto leciti, messaggi scritti anche in un italiano un pò sgrammaticato che ci richiedono di rinnovare le credenziali di accesso al nostro home banking. Tutta questa spazzatura è potenzialmente pericolosa perché potrebbe contenere allegati con al loro interno programmi maligni.

Il primo consiglio è dettato dal buon senso che ci dovrebbe dire di eliminare immediatamente le mail sospette di cui non siamo sicuri della provenienza. Eliminare vuol dire anche rimuovere dal cestino.

Il secondo è di attivare col nostro provider di posta il servizio del filtro antispam o di installarne uno sul proprio pc.

Cifrare la connessione wi-fi

Grandissima invenzione il wi-fi. Grazie ad essa possiamo collegarci ad internet col nostro portatile in qualunque punto della nostra casa o ufficio senza la necessità di tirare un cavo.

Ma dietro tutto a questo bel castello c'è un grave rischio di intrusioni se non ci si protegge adeguatamente perché un bravo hacker potrebbe violare la nostra rete con tutte le conseguenze del caso.

Ecco allora, se lo sapete fare voi tanto di guadagnato, altrimenti rivolgetevi ad un bravo sistemista, che il consiglio è quello di configurare correttamente nel proprio router la rete wireless con una password adeguatamente complessa ed una connessione cifrata.

Password dell'account di accesso

Non avere una password di accesso al proprio sistema è come avere una casa senza serratura sulla porta d'ingresso.

È assolutamente indispensabile avere una password di accesso al proprio Windows opportunamente complessa, che non sia il nome della mamma o della moglie o la propria data di nascita. La password deve essere una sequenza casuale alfanumerica con almeno un carattere speciale della lunghezza minima di otto caratteri.

Ovviamente non va messo il post-it sul monitor con scritta la password, sarebbe come appendere la chiavi di casa fuori dalla porta d'ingresso :-).

Conclusioni

Questi sono i consigli che spero vi tornito utili, poi se incontrate difficoltà io e il staff siamo a vostra completa disposizione.

Link:


Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere