Home articoli Societa Articolo

Piramide dei Bisogni di Maslow: Psicologia sul Lavoro

Una delle idee più conosciute nella storia della psicologia del lavoro si trova in un triangolo senza pretese diviso in cinque sezioni indicate universalmente semplicemente come Piramide dei bisogni di Maslow. Questa Piramide intreccia e definisce i bisogni quotidiani, le speranze, gli obiettivi e la psicologia della persona e del lavoro.
del 07/09/22 -

Una delle idee più conosciute nella storia della psicologia del lavoro si trova in un triangolo senza pretese diviso in cinque sezioni indicate universalmente semplicemente come Piramide dei bisogni di Maslow. Questa Piramide intreccia e definisce i bisogni quotidiani, le speranze, gli obiettivi e la psicologia della persona e del lavoro.

Cos'è la Piramide di Maslow

La Piramide di Maslow fu concepita per la prima volta in una rivista accademica negli Stati Uniti nel lontano 1943, dove era disegnata grossolanamente in bianco e nero e circondata da un testo denso e ricco di gergo. Da allora è diventato un pilastro delle analisi psicologiche, presentazioni aziendali e conferenze online, e nel frattempo è diventato sempre più colorato ed enfatico.

La piramide di Maslow ci può aiutare ad organizzare la nostra vita lavorativa affinché si riescano a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati nella maniera meno stressante possibile.

Piramide di Maslow e Psicologia del Lavoro

La piramide era opera di uno psicologo ebreo trentacinquenne di origini russe chiamato Abraham Maslow, che fin dall'inizio della sua carriera professionale aveva cercato niente di meno che il senso della vita. Non più parte della affiatata famiglia ortodossa della sua giovinezza, Maslow voleva scoprire cosa potesse rendere la vita delle persone (incluso lui stesso) nell'America moderna, un paese in cui la ricerca del denaro e della fama sembrava aver eclissato qualsiasi aspirazioni più interiori o autentiche. Vedeva la psicologia come la disciplina che gli avrebbe consentito di rispondere ai desideri e alle domande che una volta le persone avevano rivolto alla religione.

Maslow vide improvvisamente che si può dire che gli esseri umani hanno essenzialmente cinque diversi tipi di bisogni: da un lato, quelli psicologici o ciò che si potrebbe definire, senza che la parola intenda misticismo, lo spirituale e, dall'altro, il materiale. Per Maslow, iniziamo tutti con una serie di bisogni fisiologici di base e assolutamente non negoziabili, per cibo, acqua, calore e riposo. Inoltre, abbiamo urgenti esigenze di sicurezza per la sicurezza del corpo e la protezione dagli attacchi. 

Ma poi iniziamo ad entrare nel dominio spirituale. Abbiamo bisogno di appartenenza e amore. Abbiamo bisogno di amici e amanti, abbiamo bisogno di stima e rispetto. E infine, e in modo più grandioso, siamo guidati da ciò che Maslow chiamava - in un termine ormai leggendario - un bisogno di autorealizzazione: un concetto vasto, commoventemente nebuloso e tuttavia estremamente appropriato che coinvolge ciò che Maslow ha descritto come "vivere secondo il proprio pieno potenziale" e "diventare ciò che siamo veramente".

I Cinque livelli della Piramide di Maslow

Parte del motivo per cui la descrizione di questi bisogni, strutturata in forma piramidale, si è rivelata così persuasiva è la loro capacità di catturare, con semplicità elementare, una profonda verità strutturale sull'esistenza umana. 

Maslow stava mettendo il dito, con insolita destrezza e precisione, su una serie di risposte a domande molto grandi che tendono a confonderci e a lasciarci perplessi ferocemente, in particolare quando siamo giovani, e cioè: cosa stiamo veramente cercando? Cosa desideriamo? E come possiamo organizzare le nostre priorità e tenere in debita considerazione le affermazioni diverse e contrastanti che abbiamo sulla nostra attenzione? 

Maslow ci stava ricordando con concisione artistica la forma di una vita ideale e ben vissuta, proponendo subito che non possiamo vivere solo secondo le nostre chiamate spirituali, ma anche che non può essere giusto rimanere concentrati solo sul materiale. 

Maslow confutava le chiamate di due tipi di fanatici: in primo luogo, tipi spirituali troppo ardenti che potrebbero spingerci a dimenticare completamente i soldi, l'alloggio, una buona polizza assicurativa e abbastanza per pagare il pranzo. Ma stava anche combattendo contro pragmatisti estremisti dal muso duro che potevano insinuare che la vita fosse semplicemente un processo brutale di mettere il cibo in tavola e andare in ufficio. Entrambi i campi, per Maslow, avevano frainteso la complessità dell'animale umano. A differenza di altre creature, siamo davvero poliedrici, chiamati subito a dispiegare la nostra anima secondo il suo destino interiore – e ad assicurarci di poter pagare i conti alla fine del mese.

Piramide di Maslow e Ambiente di Lavoro

Operando nel periodo d'oro del capitalismo americano, Maslow era particolarmente ambivalente riguardo agli affari. Era sbalordito dalle risorse materiali delle grandi società che lo circondavano, ma allo stesso tempo si lamentava del fatto che quasi tutta la loro attività economica fosse - ingiustamente e bizzarramente - incentrata sull'onorare i bisogni dei clienti alla base della sua piramide. Le più grandi aziende americane stavano aiutando le persone ad avere un tetto in testa, dar loro da mangiare, spostarle e assicurarsi che potessero parlare tra loro a lunga distanza. 

Ma sembravano assolutamente disinteressati a cercare di soddisfare gli appetiti spirituali essenziali definiti sulle pendici più alte della sua piramide. Durante la vecchiaia, Maslow ha espresso la speranza che le aziende possano in tempo imparare a trarre di più dai loro profitti affrontando non solo i nostri bisogni primari ma anche - e cosa importante - anche quelli spirituali e psicologici superiori. Sarebbe un capitalismo veramente illuminato.

Nella sfera personale, la piramide di Maslow rimane un oggetto estremamente utile a cui rivolgersi ogni volta che cerchiamo di valutare la direzione della nostra vita. Spesso, mentre ci riflettiamo, iniziamo a notare che in realtà non abbiamo organizzato e bilanciato i nostri bisogni in modo saggio ed elegante come potremmo. Alcune vite hanno una base inverosimile: tutta l'energia sembra diretta all'accumulazione materiale. Allo stesso tempo, ci sono vite con il problema opposto, dove non abbiamo pagato il dovuto al nostro bisogno di prenderci cura dei nostri corpi fragili e vulnerabili.

Maslow ci stava indicando la necessità di un maggiore equilibrio tra le molte priorità che dobbiamo destreggiarci. Il suo spunto visivo meravigliosamente semplice è, sopra ogni altra cosa, il ritratto di una vita vissuta in armonia con le complessità della nostra natura. Dovremmo, nei nostri momenti meno frenetici, usarlo per riflettere con ritrovata attenzione su ciò che potremmo fare dopo.



Licenza di distribuzione:
INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE
Posizioni Aperte
Responsabile account:
Stefano Marini (CEO)
Contatti e maggiori informazioni
Vedi altre pubblicazioni di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Contatta il responsabile o Leggi come procedere
Stampa ID: 365500