Home news Internet Comunicato

Wikimedia: respinta la candidatura presso WIPO - ONU

WIKIMEDIA ITALIA ed altri cinque capitoli esclusi da WIPO, Agenzia delle Nazioni Unite per la proprietà intellettuale
del 11/05/22 -

È stata respinta a Ginevra la candidatura di Wikimedia Italia e di altri cinque capitoli nazionali del movimento Wikimedia come organizzazioni osservatrici presso WIPO, l’Organizzazione Internazionale della Proprietà Intellettuale delle Nazioni Unite. La decisione è stata presa nel corso della riunione del Comitato Permanente sul Copyright e i Diritti Connessi (SCCR) di WIPO.

I capitoli Wikimedia di Italia, Francia, Germania, Messico, Svezia e Svizzera avevano presentato la loro candidatura per entrare come osservatori nel comitato permanente che si occupa delle policy sul copyright. Wikipedia e i progetti Wikimedia fanno affidamento su policy del copyright aperte e flessibili, per assicurare che la conoscenza possa essere accessibile e condivisibile liberamente attraverso le proprie piattaforme.Amanda Keton, Consigliere Generale di Wikimedia Foundation, ha dichiarato: “I capitoli Wikimedia possiedono un’esperienza di prima mano sulle barriere legali alla condivisione di informazioni nei loro paesi e una conoscenza approfondita delle policy legate al copyright. La loro presenza presso WIPO aiuterebbe a garantire una presenza globale e differenziata di organizzazioni della società civile all’interno dell’SCCR, assicurando che le policy sul copyright riflettano i bisogni dell’ecosistema globale del web. Chiediamo agli stati membri di riconoscere e sostenere il valore che il movimento per la conoscenza libera di Wikimedia può portare a WIPO”.

Wikimedia Italia, in particolare, ha presentato la sua candidatura come organizzazione osservatrice presso SCCR di WIPO perché da tempo si impegna per favorire in Italia il libero accesso al patrimonio culturale, in linea con le direttive europee. Viste le restrizioni esistenti in Italia al realizzare e condividere online riproduzioni di opere d’arte nel pubblico dominio, la partecipazione ai lavori di WIPO è per Wikimedia Italia un passo necessario per cercare un coordinamento globale, a favore della condivisione della conoscenza.
Iolanda Pensa, presidente di Wikimedia Italia, ha dichiarato: “Ogni capitolo nazionale che ha presentato la sua candidatura si impegna in maniera diversa nel proprio paese in relazione al dibattito sul copyright e sulla proprietà intellettuale. È essenziale che le nostre comunità – che producono conoscenza libera, coinvolgono milioni di volontari e realizzano benefici per miliardi di utilizzatori – abbiano una voce presso la piattaforma internazionale in cui si discute di copyright. I nostri progetti rispettano il diritto d'autore e hanno bisogno di una legislazione internazionale che permetta la collaborazione e la partecipazione dei cittadini attraverso la tutela del pubblico domino e l'apertura dei contenuti. Abbiamo bisogno di una voce affinché il valore dei nostri progetti e contenuti non siano assimilati alle grandi multinazionali di Internet, perché noi non siamo una multinazionale: siamo cittadini che operano a vantaggio di altri cittadini e della società. Per questo motivo chiediamo al governo e alle istituzioni che rappresentano l’Italia presso WIPO di sostenere la nostra candidatura come organizzazione osservatrice all’assemblea generale di WIPO di luglio”.

L’opposizione della Cina
La Cina si è opposta apertamente all’accreditamento di Wikimedia Italia e dei capitoli di Francia, Germania, Messico, Svezia e Svizzera. La Cina ha dichiarato che i capitoli Wikimedia sono complici nel diffondere disinformazione. Queste affermazioni non considerano che il modello di Wikipedia mette in primo piano la neutralità e richiede di citare le fonti nel produrre contenuti; inoltre i capitoli Wikimedia non hanno la gestione di nessuna versione linguistica di Wikipedia.
Nel 2020 e nel 2021 la Cina aveva già bloccato l’accreditamento all’assemblea generale di WIPO di Wikimedia Foundation, l’organizzazione con sede a San Francisco che garantisce il funzionamento di Wikipedia e dei progetti Wikimedia a livello globale.
L’opposizione della Cina è senza precedenti nelle discussioni del comitato SCCR di WIPO e contraddice il regolamento stesso di WIPO. Un paese singolo non può generalmente porre il veto alla partecipazione di gruppi della società civile nei comitati di WIPO.
Nonostante i paesi del gruppo B, di cui fa parte anche l’Italia, abbiano sostenuto le candidature dei capitoli nazionali, Nicaragua, Bolivia, Venezuela, Iran e Russia hanno sottolineato di rinviare la decisione sull’accreditamento, per mancanza di unanimità.

Cos’è l’SCCR
L’SCCR è un organo di WIPO all’interno del quale vengono negoziate le leggi internazionali sul copyright. È composto dai rappresentanti dei paesi che fanno parte di WIPO, di organizzazioni non governative e società private, che offrono la loro esperienza per aiutare l’agenzia a realizzare il suo mandato globale. A causa di questa esclusione, i capitoli Wikimedia non potranno partecipare alle discussioni internazionali sul copyright, che hanno ripercussioni significative sul loro lavoro su Wikipedia e sugli altri progetti Wikimedia.
Wikimedia Foundation è l’organizzazione no-profit che sostiene su scala gloale Wikipedia, i progetti Wikimedia e il loro impegno per la conoscenza libera. I capitoli Wikimedia sono organizzazioni indipendenti e senza scopo di lucro che sostengono e promuovono Wikipedia e i progetti fratelli in una regione geografica specifica. Anche se Wikimedia Foundation e i capitoli Wikimedia collaborano per l’obiettivo comune della conoscenza libera, ogni organizzazione è indipendente, con statuti, organi direttivi e piani strategici specifici.
Wikimedia Italia e gli altri capitoli si sono anche candidati per l’accreditamento completo come organizzazioni osservatrici all’assemblea generale di WIPO. La decisione in merito è attesa per la prossima sessione di luglio 2022.

Wikipedia e Wikimedia
Wikipedia è un'enciclopedia online a contenuto libero nata nel 2001 ed è l’enciclopedia più consultata al mondo, con 20 miliardi di pagine visualizzate al mese e 55 milioni di voci scritte dagli utenti. In lingua italiana, il sito debutta l'11 maggio 2001, occupando stabilmente i primi posti tra i siti più visitati dagli italiani. Wikimedia Italia è il capitolo italiano di Wikimedia Foundation Inc. ed è l’associazione che in Italia sostiene Wikipedia, i progetti Wikimedia, OpenStreetMap e la conoscenza libera, collaborando con istituzioni pubbliche e private, musei, biblioteche, archivi, scuole e università e organizzando dal 2012 Wiki Loves Monuments. Wikimedia Foundation Inc. è la fondazione senza scopo di lucro nata nel 2003 negli Stati Uniti con l’obiettivo di incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di contenuti liberi in tutte le lingue e fornire gratuitamente al pubblico l'intero contenuto dei suoi progetti, tra i quali il più noto è proprio Wikipedia.

Photo by: Photo fonte ufficio stampa

Licenza di distribuzione:
Photo credits: Photo fonte ufficio stampa
INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE
Marketing Journal
Responsabile account:
Mariella Belloni (Vicecaporedattore)
Contatti e maggiori informazioni
Vedi altre pubblicazioni di questo utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Contatta il responsabile o Leggi come procedere
Stampa ID: 360049