Fastidi più comuni dell’occhio e come risolverli

Tra i fastidi più comuni che colpiscono l’occhio ce ne sono alcuni che tendiamo a tollerare in attesa che possano passare presto da soli.
del 21/12/21 -

Tra i fastidi più comuni che colpiscono l’occhio ce ne sono alcuni che tendiamo a tollerare in attesa che possano passare presto da soli. In verità, come vedremo nelle righe che seguono, ci sono sintomi che non dovremmo sottovalutare proprio come quella spiacevole sensazione di un corpo estraneo nell'occhio. Ecco qualche consiglio per evitare che i sintomi possano aggravarsi e come comportarsi alle prime avvisaglie.

La sensazione del corpo estraneo nell’occhio

Partiamo con il disturbo appena menzionato, ovvero quello della sensazione di un corpo estraneo nell’occhio. Se guardando allo specchio non noti nulla di anomalo significa che il fastidio proviene da una disidratazione o da piccole escoriazioni provocate precedentemente da un corpo estraneo.

Di norma un pelo o un ciglio nell’occhio non sono gravi. Lo diventano quando si trasformano in infezioni, penetrazioni della cornea, ematomi e ferite alle palpebre. È proprio in questi casi che occorre rivolgersi immediatamente al medico perché potrebbero esserci danni tali da farti correre rischi irreparabili e permanenti.

Quando è il caso di contattare il medico?

Alle prime avvisaglie puoi provare a liberare l’occhio da ciò che lo infastidisce. Se questo non dovesse funzionare il medico ti sottoporrà ad un esame che prevede il sollevamento delle palpebre e l’analisi dei bulbi attraverso la lente di ingrandimento.

A questo punto ti verrà chiesto di spostare gli occhi e sbattere le palpebre per assicurare che non ci siano danni ai muscoli e alle funzionalità del movimento. Infine verrai sottoposto ad un esame tramite luci che verificherà la reattività della pupilla agli stimoli.

Se tutti questi controlli non dovessero chiarire le ragioni della sensazione del corpo estraneo nell’occhio il medico prescriverà raggi X o tomografia computerizzata per andare più a fondo nella ricerca delle cause.

Occhi secchi e disidratati

Tra i disturbi più frequenti c’è anche la sensazione di secchezza agli occhi che si manifesta con sintomi simili alla presenza di un corpo estraneo ma che, invece, deriva da altre problematiche. Un organismo disidratato e uno stile di vita condotto in ambienti secchi, dove si utilizzano prepotentemente sistemi di condizionamento del clima potrebbe indurre questa sensazione.

Lo stesso vale per chi lavora con la vista concentrata su punti fissi come lo schermo di un PC o in laboratori, minuterie e simili o ambienti polverosi. In questi casi sarà necessario rivolgersi al medico per capire se gli occhi hanno solamente bisogno di lacrime artificiali umettanti o di trattamenti più mirati in base alle tue esigenze.

L’importante è avere occhi ben idratati e curati con i giusti prodotti oftalmici, le lenti protettive consone e uno stile di vita quanto più possibile salutare. Se tendi ad avere gli occhi secchi e disidratati impara a chiudere le palpebre con maggior frequenza e verifica se il tuo organismo in generale sia continuamente idratato. In caso contrario ricorda che acqua, verdura e frutta fresca di stagione sono sempre i primi alleati della nostra salute che, di fatto, passa anche da ciò che portiamo a tavola e dallo stile di vita che conduciamo.

Licenza di distribuzione:
INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE
Freeonline
Responsabile account:
Diana Cecchi (Capo redattore)
Contatti e maggiori informazioni
Vedi altre pubblicazioni di questo utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Contatta il responsabile o Leggi come procedere
Stampa ID: 353258