Rimborso del biglietto aereo: ecco i casi in cui è possibile chiederlo

Risorse correlate
Trasporti
Diari di viaggio
Aeroporti
Aerei e voli
Compagnie aeree
Testi simili in...
Viaggi e Vacanze
Societa' e Cultura

Non riesci a prendere l'aereo prenotato? Puoi chiedere il rimborso? Forse, scopriamo in quali casi è possibile e come ovviare.

Copertina

La possibilità di ottenere il rimborso del biglietto di un volo per cause di forza maggiore imputabili al passeggero è un argomento particolarmente spinoso e discusso su cui spesso si ritorna, soprattutto nei periodi “caldi” delle vacanze estive o invernali. Questo perché i regolamenti delle compagnie aree sono spesso poco chiari e trasparenti, se non addirittura illegali.

Partiamo dal caso più semplice: arriviamo in ritardo all’aeroporto, perdendo così il volo. In questo caso, ovviamente non è possibile chiedere il rimborso del biglietto in toto. Tuttavia, da quanto indicato dalla Carta dei Diritti del Passeggero, stilata dall’ENAC, si ha comunque il diritto di richiedere al rimborso almeno delle tasse aeroportuali, visto che queste fungono a coprire dei costi legati alla sicurezza, i controllo sui bagagli e il diritto di imbarco.

Se invece non è possibile partire per cause di forza maggiore (ad esempio, una malattia debilitante, la morte di un caro, un incidente) e, quindi, non imputabili allo stesso passeggero, secondo quanto previsto dal legislatore, il contratto di trasporto viene meno e la compagnia deve restituire la cifra pagata all’individuo. Logicamente, è necessario dimostrare tale impossibilità nel momento in cui si fa una richiesta di rimborso e la stessa deve essere comunicata con un certo preavviso.

Nonostante quanto stabilito dalla decreto legislativo 96 del 2005 e dalla Carta dei Diritti, per cui le compagnie aeree non possono stilare contratti che neghino questo diritto di rimborso, tra l’altro previsto anche dalle normative UE, sono tanti i casi di inadempienza da parte delle compagnie: rimborsi negati, procedure lunghissime ed estremamente complicate, buoni al posto del rimborso monetario.

Detto ciò, la cosa migliore da fare, per essere certi di ottenere in tempi rapidi e senza difficoltà di alcun tipo i propri soldi, è stilare una assicurazione di annullamento del viaggio: al di là dei motivi di forza maggiore come quelli visti sopra, tale assicurazione prevede differenti ragioni di annullamento e dà la possibilità al passeggero di recuperare buona parte dei soldi investiti nel proprio viaggio all’estero.

Pubblicato il 25/09/2013
POTREBBERO INTERESSARTI