Reddito di Cittadinanza, che fare?

Risorse correlate
Lavoro
Previdenza e Sicurezza
Assistenza Sociale
Testi simili in...
Affari e Economia
Societa' e Cultura
Informazione
Altri servizi

Una semplice guida su come muoversi online per avere informazioni e seguire le giuste procedure per la richiesta del Reddito di Cittadinanza, senza incappare in bufale e siti fake!

Copertina

Il Reddito di Cittadinanza, disciplinato dal decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, è un sostegno per famiglie in condizioni disagiate finalizzato al reinserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale.
Consiste in un beneficio economico accreditato ogni mese sulla Carta RdC, una nuova carta prepagata, diversa da quelle rilasciate per altre misure di sostegno.

Per i nuclei familiari composti esclusivamente da uno o più persone di età pari o superiore a 67 anni, il Reddito di Cittadinanza assume la denominazione di Pensione di Cittadinanza.

Il primo consiglio da dare a chi vuol reperire informazioni sull'argomento, contrariamente a quello che si possa pensare, è quello di NON CERCARE SU MOTORI DI RICERCA, digitando chiavi come "Reddito di Cittadinanza" e simili, perchè il rischio di imbattersi in Fake News sull'argomento e siti fasulli creati appositamente per reperire i vostri dati, è abbastanza elevato.

Per informarsi nel miglior modo consigliamo in primis di seguire le linee guide promosse dal sito ufficiale dell ' INPS direttamente nella sezione dedicata.
Solo l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) disciplina l'argomento ed è in grado di fornire documentazione e reperire le domande degli aventi diritto.


Il processo per richiedere e beneficiare del Reddito di cittadinanza è sintetizzato di seguito in 7 punti:

 

  1. Il beneficiario presenta domanda di reddito di cittadinanza
  2. L’INPS verifica il possesso dei requisiti
  3. In caso di esito positivo, l’INPS comunica presso quale ufficio postale ritirare la Carta di pagamento elettronica (Carta Reddito di cittadinanza), attualmente emessa da Poste Italiane.
  4. Da quel momento la carta viene ricaricata mensilmente.
  5. La riscossione deve essere fruita entro il mese successivo a quello di erogazione.
  6. i beneficiari possono anche avere delle agevolazioni sulla bolletta elettrica e del gas riconosciute alle famiglie in difficoltà
     

Per sapere come si presenta la domanda, quali sono i requisiti, gli adempimenti e l’importo, e per avere ulteriori informazioni su questo beneficio economico, è possibile consultare il Manuale Reddito di Cittadinanza (pdf 951KB), pubblicato direttamente sulle pagine del sito ufficiale dell'INPS.

SITI CORRELATI CONSIGLIATI

INPS
Sito dell'INPS, Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale. Il sito si divide in due grandi aree: informazioni e servizi online. Nella prima una serie di informazioni utili sull'istituto, la pensione, i contributi da versare e molto altro. Nella seconda la possibilità di usufruire di servizi online suddivisi per il tipo di utente che ne deve usufruire (cittadino, aziende, ...
URL: http://www.inps.it/

ALTRE RISORSE
Secondo quanto disposto dalla legge di conversione del D.L. 4/2019in materia di reddito di cittadinanza, l’Inps deve sanzionare i beneficiari, se si violano le norme di disciplina, eccetto quelle penali, e disporre la disattivazione della Carta Rdc, se si decade dal beneficio, nonché il recupero dell’indebito erogato. Per quanto riguarda i beneficiari è possibile essere sanzionati penalmente se si rendono o si utilizzano dichiarazioni e documenti falsi o attestanti circostanze non vere per ottenere il reddito di cittadinanza (reclusione fino a 6 anni), oppure nei casi di omessa comunicazione della variazione del reddito, anche se proveniente da attività irregolari, del patrimonio o di altre informazioni dovute entro il termine di 30 giorni dalla nuova occupazione, come dipendente o autonomo (reclusione da 1 a 3 anni, se le informazioni sono rilevanti per la revoca o la riduzione del beneficio). Per i datori di lavoro, invece, occupare irregolarmente soggetti beneficiari del sussidio può comportare l’aggravante e l’applicazione della sanzione in misura maggiorata del 20% con gli importi variabili da 2.160 euro a 51.840 euro, con la possibilità di ulteriori aumenti nel caso di recidiva del datore di lavoro.

Link: http://www.freeonline.org/articoli/art/reddito-di-cittadinanza-limiti-e-requisiti-in-un-economia-familiare.html
Pubblicato il 12/03/2019