Sicurezza in Rete: non abbassare il livello di guardia è essenziale

October 3 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Gli innumerevoli cyberattacchi degli ultimi temi ci hanno mostrato che un semplice incidente può avere conseguenze catastrofiche – dall’interruzione della produzione alla chiusura di interi siti produttivi, dalla perdita di dati aziendali critici fino a danni per l’immagine e la reputazione. Siamo quotidianamente confrontati con attacchi sempre più sofisticati, che mettono in risalto la difficoltà di aziende private ed enti della pubblica amministrazione di rispondere efficacemente a minacce di nuova generazione.

Occorre un cambiamento di rotta

E’ assolutamente illusiorio pensare che i cyberattacchi possano essere fermati definitivamente su due piedi. Le aziende sono chiamate a riscattarsi dall’attuale ruolo di spettatore passivo e a prendere provvedimenti. Misure di cybersecurity che per molte aziende rappresentano uno sforzo (technologico, umano, organizzativo) e di conseguenza vengono messe in panchina. Ne consegue che oltre metà delle aziende spende ancora oggi meno del 3% del proprio budget IT in sicurezza (fonte Clusif 2016).

Ovviamente proteggere l’azienda con soluzioni adeguate ha un costo, ma tale investimento è necessario tanto quanto siglare una polizza assicurativa: la sicurezza IT va inquadrata come colonna portante di una strategia di governance aziendale contemplando tutti gli aspetti di natura tecnologica e organizzativa.

Per evitare che le normative impongano alle aziende regole sempre più stringenti in tema di cybersicurezza, esse devono affrontare le proprie responsabilità: le decisioni in merito agli investimenti in cybersecurity non dovrebbero riguardare esclusivamente lo staff IT bensì anche il management.

Tentativi di grande effetto

Uno dei maggiori cambiamenti che abbiamo riscontrato negli attacchi è la volontà degli hacker di renderli visibili. Siamo decisamente lontani da quelle APT (Advance Persistent Threat) il cui scopo consiste nell’operare nell’ombra il più a lungo possibile. I recenti attacchi di massa hanno lo scopo di guadagnarsi la massima visibilità, esponendo su larga scala le vulnerabilità che affliggono numerosissime aziende. Tuttavia questi attacchi potrebbero essere dei meri tentativi di sondare la qualità delle difese di un’azienda. Non illudiamoci: questo è solo l’inizio, virulenza e pericolosità aumenteranno.

Rispolveriamo il senso civico per il bene della collettività

La cybersicurezza è un tema che riguarda la collettività. La proliferazione degli attacchi negli scorsi mesi dovrebbe mettere in allarme le aziende puntando i riflettori su un trend che si ripercuote pesantemetne sulla produttività aziendale.

E‘ altrettanto importante, trascendere dalla mera protezione dei dati, le organizzazioni devono assumersi il proprio ruolo rispetto a impiegati, partner e clienti. E poiché il confine tra privato e professionale svanisce progressivamente, le aziende dovrebbero farsi carico della tutela delle attività e/o identità digitali di collaboratori e clienti.

Se la collettività prendesse a cuore tali indicazioni e reagisse, potremmo forse evitare il peggo e dar vita ad un ambiente digitale sicuro per il bene di tutti.

Chi è Stormshield

Stormshield sviluppa soluzioni di sicurezza end-to-end innovative per la tutela di reti (Stormshield Network Security), workstation (Stormshield Endpoint Security) e dati (Stormshield Data Security). Certificate ai più alti livelli in Europa (EU RESTRICTED, NATO, e ANSSI EAL4+), queste soluzioni affidabili di nuova generazione assicurano la massima protezione delle informazioni strategiche. Le soluzioni Stormshield sono commercializzate attraverso una rete commerciale costituita da distributori, integratori e operatori di canale o telco e sono implementate presso aziende di qualsiasi dimensione, istituzioni governative e organizzazioni preposte alla difesa in tutto il mondo.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.stormshield.com



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere