Multinazionali estere in Italia, la metà in Lombardia

December 14 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

A fornire i dati è il Rapporto Ice (l’Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane).

Le multinazionali estere puntano sulla Lombardia. E lo fanno senza esitazioni: sono 5.300 quelle presenti sul nostro territorio, ben il 47 per cento del dato totale nazionale. La seconda regione in classifica, il Piemonte, raggiunge quasi le mille unità e “vale” dunque, da questo punto di vista, meno di un quinto della Lombardia. Di pari passo anche il numero di addetti al lavoro in queste imprese: quasi mezzo milione di persone (424.339 per la precisione) all’opera all’interno del nostro territorio, il 43 per cento del totale, che è pari a 987.570.

Un altro dato particolarmente significativo è la capacità delle multinazionali presenti in Lombardia di valorizzare la loro attività sul nostro territorio: il fatturato totale è pari a 218,06 miliardi di euro, una cifra neanche lontanamente paragonabile con quella delle altre regioni italiane, e pari a quasi la metà (il 43,2 per cento) del fatturato espresso da tutte le multinazionali attive nel nostro Paese. A fornire i dati è il Rapporto Ice (l’Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane). L'Italia nell'economia internazionale, all’interno del quale sono state elaborate informazioni tratte dalla banca dati Reprint (Politecnico di Milano-Ice) che ha scattato un’istantanea della situazione nazionale alla data del 31 dicembre 2015.

NUMERO IMPRESE: LA SECONDA REGIONE VALE MENO DEL 20% DELLA LOMBARDIA

Provando a stilare delle graduatorie complete relative ai dati appena forniti, emerge in tutta chiarezza il gap che in questo campo separa la Lombardia dalle altre regioni italiane. Se si considera il numero di imprese, dopo i primi due posti già segnalati di Lombardia (5.300) e Piemonte (998), si piazza il Veneto con 961. Fuori dal podio, l’Emilia Romagna con 909; seguita da Lazio (888), Trentino Alto Adige (496), Toscana (494), Liguria (264), Friuli Venezia Giulia (178), Campania e Sicilia (128), Puglia (113), Marche (108), Abruzzo (87), Umbria (69), Basilicata (62), Sardegna (50), Calabria (33), Val d’Aosta (17) e infine Molise (11).

NUMERO ADDETTI: IN LOMBARDIA LAVORO PER OLTRE 400MILA PERSONE

Per quanto riguarda invece il numero di addetti all’interno delle imprese, in tutta Italia se ne contano quasi un milione, sono infatti 987.570. Agli oltre 400mila al lavoro in Lombardia, fanno seguito in graduatoria al secondo e terzo posto, rispettivamente i 151.626 del Lazio e i 103. 873 del Piemonte. È poi il turno di Emilia Romagna (68.571), Veneto (58.089), Toscana (41.588), Liguria (27.491), Abruzzo (21.634), Friuli Venezia Giulia (20.889), Trentino Alto Adige (17.481), Campania (15.423), Marche (12.145), Umbria (6.292), Puglia (6.290), Sardegna (3.919), Sicilia (3.511), Val d’Aosta (1.802), Calabria (1.634), Basilicata (526) e Molise (447).

FATTURATO: LA LOMBARDIA VALE QUASI LA METÀ DEL DATO NAZIONALE

Anche per quanto riguarda i volumi di fatturato, la situazione rimane pressoché invariata. Al primo posto isolato della Lombardia, che come anticipato rappresenta quasi la metà del dato nazionale, fa seguito il Lazio con un valore inferiore della metà e pari a 104,73 miliardi di euro. È poi il turno del Piemonte, con 36,958 miliardi di euro. Seguono, Emilia Romagna (27,38 miliardi di euro), Veneto (25,09), Toscana (21,2), Liguria (16,2), Sardegna (10,43), Abruzzo (7,68), Trentino Alto Adige (7,54), Sicilia (7,33), Friuli Venezia Giulia (6,58), Campania (4,13), Marche (3.99), Umbria (2.79), Puglia (2,37), Val d’Aosta (1,2), Calabria (0,39), Basilicata (0,17) e Molise (0,12).



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere