Home news Software Comunicato

Il mondo della tecnologia incontra quello degli anziani: nascono le app per i farmaci

February 13 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ecco le app che forniscono un aiuto alle persone che assumono farmaci quotidianamente

Silver surfers, ecco il loro nome.
Quegli utenti che non solo non sono dei nativi digitali, ma che non hanno mai avuto nemmeno una particolare dimestichezza con la tecnologia. Eppure, malgrado la loro mancanza di esperienza, si collocano tra gli utenti più critici ed esigenti, proprio perché non si lasciano distrarre dalla vastità dell’offerta mediatica ed hanno idee ben chiare circa ciò che vorrebbero ricevere dalla tecnologia: app ed interfacce che rispondano alle loro esigenze più impellenti, come le app farmaci.

Ad oggi, sugli store del mercato ce ne sono moltissime, di solito gratuite o al prezzo di pochi centesimi, progettate sia per sistemi Android che per dispositivi Apple. Sono pensate per quegli utenti che devono assumere più farmaci ogni giorno, ad orari diversi e che, per questa ragione, rischiano di confondersi e compromettere l’efficacia della terapia, ma che non si accontentano di impostare una sequela di allarmi sul proprio telefonino. Tra le app farmaci più diffuse ricordiamo Alicia, Pill Reminder e Pillboxie, tutte caratterizzate da una grafica semplice ed essenziale e da notifiche in tempo reale.

1. App farmaci: Alicia

Tra le prime app farmaci figura Alicia, elaborata nel 2013 dall’ateneo spagnolo Miguel Fernandez di Elche, che segnala all’utente quando assumere quale farmaco grazie a un sistema di alert che all’orario selezionato fa apparire una foto sullo schermo. Essa dispone, inoltre, di un’opzione aggiuntiva che permette di mostrare al proprio medico il piano terapeutico che si sta seguendo per chiedere consiglio e facilitare il compito diagnostico dei sanitari.

2. App farmaci: Pill Reminder

Questa app farmaci è stata progettata per i dispositivi Apple e consiste, essenzialmente, in un promemoria che è possibile impostare in diverse lingue, in particolare inglese, francese, russo, portoghese e spagnolo. Tale app farmaci offre anche la possibilità di impostare dei pulsanti a scelta rapida per contattare immediatamente il proprio medico in caso di malessere.

3. App farmaci: Pillboxie

Un’altra app farmaci presente sul mercato è Pillboxie, dalla grafica chiara ed intuitiva, basata su un sistema di notifiche che continuano ad essere inviate finché non si spunta la casella dell’avvenuta assunzione. È possibile impostarla in spagnolo, italiano, inglese o tedesco. Tra le possibili modifiche apportabili all’interfaccia esiste la possibilità di personalizzare gli alert con suoni specifici e colori squillanti che differiscano per ogni farmaco.

4. App farmaci: iFarmaci

Quest’ultima app farmaci è stata pensata per i sistemi iOS e non è strettamente connessa all’assunzione di farmaci, quanto all’analisi di questi ultimi. Inquadrando il codice a barre presente sulla confezione, infatti, è possibile ottenere informazioni circa il principio attivo, la data di scadenza o il contenuto di glutine e/o lattosio presente all’interno del medicinale.

Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere