Il miglior investimento? Per gli italiani restano gli immobili

August 9 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Immobili: per gli italiani il mattone resta la prima fonte di investimento dei propri risparmi. Lo dice il rapporto Fiaip sul mercato immobiliare.

Gli italiani, si sa, sono un popolo di risparmiatori, ma in che modo preferiscono investire i propri risparmi? Su questo gli abitanti del Bel Paese sembrano avere le idee chiare: gli immobili. La conferma arriva ancora una volta dai dati del report sul mercato immobiliare del 1° semestre 2019 di Fiaip – Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali – nonché dall’agenzia immobiliare a Taranto Cambio Casa in riferimento al territorio in cui opera.

I primi sei mesi di quest’anno hanno segnato un aumento del numero delle compravendite, in particolare al Nord e in misura più lieve al Centro Italia, a dimostrazione di come il mattone rimanga il bene rifugio principale per le famiglie italiane. Le ragioni per cui questo avviene sono facilmente intuibili. Anzitutto, l’instabilità del quadro economico internazionale, segnato dalla continua guerra dei dazi Usa-Cina, e di quello nostrano, le cui previsioni parlano di una limitata crescita del Pil dello 0,1% quest’anno. Non mancano poi le incertezze sulle politiche economiche dell’attuale Governo, il rendimento altalenante dei titoli di Stato e la sfiducia nei confronti delle banche e dei loro titoli finanziari: tutti fattori che hanno spinto inevitabilmente i risparmiatori a investire negli immobili.

Ma a stimolare la domanda è anche il continuo calo dei prezzi. Il report Fiaip conferma ancora una volta l’Italia come unico Paese europeo in cui si registra un calo per l’ottavo anno consecutivo. Un dato in controtendenza rispetto al resto d’Europa, dove i prezzi delle abitazioni sono in continua ascesa negli ultimi 4 anni. Nei primi sei mesi del 2019 la discesa ha segnato un range minimo che va da -1,1% a -0,6%.

Nonostante il rallentamento delle richieste dei mutui di acquisto, accompagnato da un costante ridimensionamento di surroghe e sostituzioni, nel I semestre 2019 circa il 63% delle compravendite è stato effettuato con l’intervento di un istituto di credito per la concessione di un mutuo, mediamente di circa 135 mila euro. Circa il 40% delle compravendite, trainate dai tassi sui mutui ai minimi storici, sono state effettuate per la sostituzione della prima casa, circa il 35% per l’acquisto della prima casa, circa il 20% per investimento e una quota residuale per acquisto seconda casa.

Infine, i valori di locazione, che hanno fatto registrare negli ultimi sette anni variazioni più contenute rispetto a quelle relative ai prezzi e ciò è avvenuto anche nell’ultimo semestre dell’anno, con canoni di locazione diminuiti su base annua in un range compreso tra il -1,6% dei negozi e il -0,5% delle abitazioni.

Se l’immobile continua ad essere considerato un investimento sicuro dagli italiani, ancor più conveniente e redditizio è quello che farai se scegli Cambio Casa, leader tra agenzie immobiliari a Taranto, che con la sua professionalità è in grado di rispondere sempre alle tue esigenze con tantissime soluzioni su misura.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessandro Farucci
Responsabile pubblicazioni - Deslab.it snc
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere