Home news Varie Comunicato

Com'è nato il materasso?

November 16 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Gli antichi egizi preferivano foglie di palma, gli antichi romani piume di uccelli, invece i medievali baccelli di piselli... La storia dei materassi è vecchia quasi quanto quella dell'uomo. Ma come è nato e si è evoluto fino ai giorni nostri questo elemento divenuto indispensabile nella vita di ogni essere umano?

Neolitico

Già nella preistoria l’uomo cerca di crearsi un luogo adatto al riposo notturno. In era neolitica, per esempio, inizia a raggruppare foglie ed arbusti per realizzare un comodo giaciglio su cui dormire.
Insomma, danno vita a dei letti “primitivi” non molto confortevoli poichè a diretto contatto con lo sporco e l’umidità del terreno.

Gli antichi Egizi e le prime reti

Dalle foglie secche si è poi passati alle pelli di animale, più morbide e termicamente più confortevoli, fino alla stravagante soluzione in legno e corde degli antichi egizi.
Si tratta in realtà delle prime reti da letto sulle quali l’ingegnoso popolo dell’antico Egitto posiziona foglie di palma.
Risale infatti proprio a questo periodo, circa 3.400 a.C., la comparsa dei primi veri e propri letti, intesi come strutture a sè destinate al riposo notturno. Si narra che Tutankhamon ne avesse uno costruito in ebano e oro!

I Romani e il materasso di piume

Con gli antichi romani inizia la produzione di lunghi cuscini in tessuto che prendono forma nel momento in cui vengono riempiti con materiali morbidi, per esempio con lana o piume di uccello, avvicinandosi così all’attuale forma del tipico materasso occidentale.
Nato come un privilegio per soli nobili, gradualmente il sacco imbottito entra anche nelle abitazioni della plebe in modelli essenzialmente più grezzi composti con tela ricolma di fieno o paglia (da qui il termine alternativo pagliericcio).
E' proprio in questo periodo che il letto diventa un vero e proprio mobile!

Il Medioevo e lo sfarzo del Rinascimento

Ormai parte del mobilio, il materasso nel Medioevo viene realizzato tramite l’utilizzo di baccelli di legumi per poi essere riposto su di un reticolato in cuoio.
Il salto di qualità però, si compie nel Rinascimento, un periodo storico in cui si attribuisce notevole importanza alla camera da letto delle classi sociali più agiate.
Infatti, nei palazzi signorili è tutto un trionfo di broccati sempre più lussuosi, velluti pregiati e letti a baldacchino dotati di comodi materassi realizzati con fibre naturali: dal cotone alla lana, fino al cocco. Il tutto rivestito da fodere in lino.

L’innovazione della Rivoluzione Industriale

Nel Settecento, ovvero nell’Età dei lumi, ma anche dell’ostentata eleganza Rococò, gli involucri destinati al riposo sono finemente ricamati, mentre le fibre interne continuano ad essere dei soliti materiali, lasciando la lana tra quelle più pregiate. In realtà, a cominciare già da questo periodo, l’apparente comodità dei materiali soffici si traduce in fastidi per la colonna vertebrale che, al contrario, ha bisogno di essere sostenuta anziché di sprofondare nel morbido assoluto.
Nel secolo successivo, infatti, l’uomo comincia a prendere coscienza che il materasso deve rispondere a necessità anatomiche.
Ed ecco che il guizzo e la genialità della rivoluzione industriale porta alla sperimentazione di varie tipologie di materassi: da quello ad aria a quello a molle e ad acqua.

Il Novecento

E' il 1928 quando viene realizzato il primo materasso in schiuma di lattice. I primi modelli garantirono un buon riposo ai passeggeri del transatlantico “Queen Mary”! Successivamente l’invenzione del poliuretano espanso, con le sue schiume flessibili, segnò una tappa miliare nell’evoluzione del materasso: era stato scoperto il modo di coniugare comfort e capacità di sostenere adeguatamente lo scheletro.
Col passare del tempo, le ricerche di settore hanno apportato ulteriori migliorie nel settore del bedding dando vita qualche anno più tardi al Memory Foam, una schiuma che conferisce al materasso la capacità di adeguarsi alle linee del corpo.

-----

Marion nasce nel 1999 col preciso intento di diffondere la cultura del riposo in Italia e con l’obiettivo di individuare il materiale ideale, quello che più di tutti assicura ergonomicità, igiene e biocompatibilità.
E’ proprio in quest’anno che il lattice registra le migliori performance avviando così la produzione del primo materasso in lattice Marion.
Il sonno influisce notevolmente sulla qualità della vita e la qualità del nostro sonno è strettamente legata alla qualità del nostro materasso. Per questo è importante scegliere un materasso adatto alle proprie caratteristiche ed esigenze fisiche e questo Marion lo sa bene!
Marion propone una vasta gamma di materassi in lattice e sistemi di riposo personalizzabili, ognuno in grado di offrire il massimo comfort. E tu hai già scelto quello che fa per te? Cosa aspetti?



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Andrea Lopez
Responsabile pubblicazioni - Materassi Marion
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere