Home articoli Varie Articolo

Tatuaggi sicuri: strumenti da utilizzare e comportamenti da tenere all’interno di un tattoo studio

June 26 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

I tatuaggi sono una cosa seria. Tutto quello che devi sapere sulla sicurezza all'interno dei tattoo studio

Oggi quando entriamo in un Tattoo Studio troppo spesso ci dimentichiamo della fondamentale importanza che hanno per i clienti, ma anche per i tatuatori stessi le misure di prevenzione igienico sanitarie da applicare al suo interno. Insieme a Franco Silvestri, fondatore del Thunder Ink Tattoo e laureato in Tecniche della prevenzione negli ambienti e luoghi di lavoro, affronteremo questo argomento elencando ogni strumento da utilizzare e comportamento da tenere, al fine di svolgere una seduta nel modo più salutare e regolare possibile.

Durante lo svolgimento di un tatuaggio si parla di utilizzo di attrezzature monouso per evitare ogni possibile contaminazione tra cliente ed oggetti o persone esterne garantendo così tatuaggi sicuri.
In questo articolo vogliamo fare una distinzione tra gli strumenti da utilizzare per garantire la sicurezza dei clienti e del tatuatore stesso, rispetto ai comportamenti che quest’ultimo deve tenere per salvaguardare la propria salute oltre che ad un corretto svolgimento della seduta.


TATUAGGI SICURI PER I CLIENTI:

Guanti: Utilizzare preferibilmente quelli in nitrile, poiché ci sono persone allergiche al lattice. È necessario sostituirli ogni qual volta il tatuatore sia costretto ad effettuare intervalli durante la seduta, oppure entri in contatto con materiali non sterilizzati;

Copri clip corde: Indispensabile, onde evitare che a seguito dei movimenti del tatuatore durante la seduta, il clip corde entri in contatto con la parte del corpo interessata;

Aghi monouso: inevitabilmente di buona qualità per ottenere risultati ottimali;

Carta usa e getta: Tra tutti i materiali il panno carta è quello che tende a far arrossire meno la pelle, anche se non ci sono specifiche al riguardo;

Mascherine: non tutti i tipi di mascherina sono omologate per effettuare un tatuaggio in sicurezza. Vista la situazione (Covid) è preferibile utilizzare una mascherina con filtro FFP3, anch’essa monouso;

Copri lettino: In polietilene con bordi elastici per una presa migliore sul lettino;

Copri braccia: Monouso per assicurare una massima protezione e igiene durante la seduta;

Copri macchina: Necessario per mantenere la macchinetta sterile;



SICUREZZA PER I TATUATORI:

Luce ideale: I Tatuatori durante il lavoro sottopongono i loro occhi ad un intenso stress, che a lungo andare potrebbe causare dei disturbi oculari permanenti. Onde evitare che questo accada è indispensabile fornire lo studio di adeguati sistemi di illuminazione. L’ideale sarebbe istallare faretti LED, confortevoli e di pratico utilizzo. Da evitare assolutamente la torcia da testa, poiché potrebbe distogliere l’occhio da una messa a fuoco ottimale;

Postura: Al fine di evitare una postura scorretta che comporti problemi posturali nel tempo, mantenere una seduta composta con la schiena a 90°;

Occhiali monouso: Meglio se in policarbonato, importanti poiché evitano qualsiasi tipo di liquido che possa entrare in contatto con gli occhi. Un’alternativa agli occhiali è la visiera anti-droplet anche se l’uso è sconsigliato in quanto risulta essere molto scomoda per i tatuatori che la usano;

Grembiule monouso: Preferibilmente in polietilene;

Fare delle pause: Ogni tatuatore deve conoscere sé stesso e i ritmi di lavoro che riesce a tenere.
È consigliabile comunque fare una pausa di 15 minuti ogni due ore di lavoro, per mantenere sempre un elevato standard di concentrazione;

Copri scarpe: utili per mantenere la sala nelle condizioni igieniche ideali;

Ora che abbiamo fatto chiarezza sugli strumenti da utilizzare e sui comportamenti da tenere per svolgere tatuaggi sicuri, non vi resta che venire a trovarci nel nostro nuovo studio. Ci trovate dal lunedì al sabato in Via Paolo V, 39f a Roma. Vi aspettiamo!



POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere