Home articoli Musica Articolo

Suonare in una sala prove: come crearne una per la propria band

July 28 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il sogno di ogni aspirante musicista è quello di avere una sala prove tutta per sé o per la propria band...

Il sogno di ogni aspirante musicista è quello di avere una sala prove tutta per sé o per la propria band. Si tratta di un obiettivo per certi versi quasi indispensabile se si desidera fare il salto di qualità, per poter provare i propri pezzi indisturbati e senza infastidire nessuno. Prima di affrontare un investimento del genere, però, è sempre necessario capire cosa serve per modellare la saletta prove e per fare in modo che sia perfetta per questo scopo.

Gli elementi indispensabili per una sala prove

Se si desidera allestire una sala prove degna di questo nome, come anticipato poco sopra, bisogna provvedere ad una serie di cose che serviranno per renderla efficace. Naturalmente, prima di ogni altra cosa, è importante trovare il luogo adatto: le opzioni sono diverse, e contemplano ad esempio soluzioni come i garage, i gazebo e persino i seminterrati, oltre ovviamente ai classici box in affitto e da convertire per questo utilizzo.

Isolamento acustico: chiaramente è bene partire da uno dei fattori più importanti in assoluto, ovvero il sistema di isolamento acustico, necessario per impedire al rumore di infastidire i vicini, gli abitanti della zona o gli altri inquilini della casa. È bene sottolineare che si tratta di un investimento economicamente importante, dato che i pannelli fonoassorbenti specifici per la musica costano molto. Per evitare echi e riverberi c’è anche chi utilizza delle soluzioni fai da te come i cartoni delle uova, ma per assicurare un isolamento degno di questo nome è necessario creare anche delle strutture con contropareti e controsoffitto.

Elettricità e sicurezza: qui il discorso può variare da contesto a contesto. In alcuni casi non sarà necessario provvedere ad un allaccio elettrico, perché quest’ultimo sarà già presente (come in casa). In altre situazioni lo si dovrà allestire, rivolgendosi ovviamente ad un tecnico specializzato e certificato. Inoltre, potrebbe essere utile valutare una delle offerte luce disponibili sul mercato libero, come quelle pensate da Acea, così da avere a disposizione una tariffa più competitiva. Chiaramente qualsiasi impianto elettrico dev’essere ben manutenuto e pulito, per evitare danni e possibili incidenti, quindi si tratta di un punto fondamentale per il fattore sicurezza.

Aerazione: nella maggior parte dei casi conviene optare direttamente per un impianto come lo scambiatore d’aria, dato che i condizionatori non sono in grado di assicurare un corretto ricambio d’ossigeno all’interno di un box o un garage. Se non si possiede un budget adeguato a questo tipo di investimento, ci si può limitare al classico climatizzatore split, a patto di organizzare delle pause e di aprire le finestre, per evitare di soffocare e per una maggiore sicurezza personale. In altre parole, conviene sempre fare attenzione al fattore aerazione, per una questione di salute e di vivibilità dell’ambiente.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere