Smartphone e antivirus: cosa c'è di vero?

May 7 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il tuo PC è mai stato infettato da un virus? E il tuo smartphone?

Alla prima domanda potrei scommettere a occhi chiusi che hai fatto cenno di si con il capo. Non ne sono altrettanto certo per quanto riguarda la seconda domanda. Anzi, per la verità, credo che in ben pochi di quelli che stanno leggendo e leggeranno in futuro questo mio articolo risponderanno positivamente.

Per quale motivo? Forse perchè i virus e malware per gli smartphone non esistono? Purtroppo no, non è questa la risposta esatta. I malware per gli smartphone esistono realmente e sono anche numerose. Probabilmente non ci avevi mai pensato, ma i produttori di smartphone sono più o meno gli stessi che producono i PC che utilizziamo a casa o al lavoro, quindi, presumo che abbiano imparato dai propri errori passati.

I sistemi operativi degli smartphone sono stati progettati tenendo conto dei problemi di sicurezza che affliggono purtroppo il mondo dei personal computer. Le applicazioni per cellulare hanno minori autorizzazioni a interagire con il sistema operativo rispetto a quelle per i computer, e questo limita parecchio i danni che possono fare.

Come dicevo prima, le applicazioni che contengono malware in grado di infettare uno smartphone esistono e sono numerose, ma per installare applicazioni sui cellulari è necessario passare tramite gli app store ufficiali, i quali sono rigidamente controllati dai produttori dei sistemi operativi. Questo controllo continuo è una barriera insormontabile per le applicazioni malevoli.

In particolare, chi possiede un iPhone, non ha altro modo di installare applicazioni se non attraverso l’App Store ufficiale, quindi si può dire con certezza che i sistemi IOS sono assolutamente a basso rischio. Non è un caso che non esitano anti-malware per sistemi IOS sul mercato.

Per quanto riguarda Android, invece, la situazioni è un pò differente. Innanzitutto è molto diffusa fra gli utenti Android la moda di sbloccare il telefono (root). Questa operazione rende il telefono più versatile, ma accresce di gran lunga anche i rischi per la sicurezza. Inoltre i telefoni Android hanno la possibilità di installare anche applicazioni provenienti da sorgenti diverse dal Play Store ufficiale, andando incontro a numerosi rischi.

Quindi, al momento attuale non vi è una reale necessità di installare una app antivirus o anti-malware sul proprio smartphone, in quanto per difendersi dagli attacchi è sufficiente un pò di accortezza nell’utilizzo del proprio telefono. Non si tratta comunque di una pratica sconsigliata, soprattutto per chi utilizza telefoni con sistemi Android “sbloccati” o Windows.

Nel caso in cui si fosse incappati in un problema dovuto a malware a causa del cattivo utilizzo dell’apparecchio, è possibile che a causa di ciò si possano perdere alcuni dei dati contenuti nella memoria del telefono. In questi casi il consiglio è quello di non cercare di recuperarli da soli tramite l’utilizzo di software o app, ma di portare lo smartphone presso una società specializzata nel recupero dati hard disk. Solitamente queste società sono in grado di recuperare i dati da qualunque dispositivo e sistema operativo, compresi quindi anche gli smartphone.



Licenza di distribuzione:
Cristian Frialdi
Responsabile pubblicazioni - Cristian Frialdi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere