Silvana Giacobini racconta Sofia Loren

October 7 2010
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Sofia Loren a nudo e finalmente senza censura. Sofia Loren diva e tuttavia donna segnata dalla fame della guerra ma ancor più dalla fame degli affetti familiari

SASSUOLO: SILVANA GIACOBINI RACCONTA SOFIA LOREN

Sofia Loren a nudo e finalmente senza censura. Sofia Loren diva e tuttavia donna segnata dalla fame della guerra ma ancor più dalla fame degli affetti familiari. Sofia amata in tutto in mondo ma non nel suo nido, non da suo padre che mercanteggia persino il suo cognome. Il paradosso dal successo all'infamia è la chiave di volta e di lettura dell'ultimo libro di Silvana Giacobini, che sapientemente gioca sul parallelismo tra altari e cenere, oscar e cause penali, napoletano e inglese, Hollywood e Pozzuoli."Sophia Loren, una vita da romanzo. Le verità nascoste", edito da Baldini Castoldi Dalai Editore, è dunque il libro che ha dato il la alla 15esima rassegna "Incontri con l'autore"delle Fiere d'autunno di Sassuolo e che ha fatto da apripista alla stagione culturale del Teatro Carani curata dal giornalista Roberto Armenia con la presenza del primo cittadino Luca Caselli. La biografia della Giacobini è un'operazione a cuore aperto, un coming out che rende la diva Sofia più donna e la donna ancora più diva, se possibile. Il genere letterario è quello del romanzo che si avvale della tecnica della psicoanalisi post- freudiana. Possibile che la Sofia amata da Cary Grant, Peter Sellers,Robert Wagner e Richard Burton, abbia dovuto mendicare l'amore e il riconoscimento del padre? La Loren muore e rinasce come la fenice, ne esce così vincitrice morale sull'invidia e i tradimenti prima della famiglia e poi della vita. Il suo segreto? Lo svela la stessa Giacobini con una frase presa a prestito da Seneca:" La fortuna non esiste,esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione".E sorpresa: la Direttrice di Diva e Donna inizia una lezione magistrale che è un tuffo di mezzo secolo indietro sulla storia del cinema, dell'arte e della letteratura, glissando pure le domande su Corona. Ecco la magia: il gossip farcito di cultura diventa leggero, garbato e ancora più interessante. E lei, già direttore di «Gioia», di «Chi» e «Diva e Donna», opinionista e autore di trasmissioni per la Rai e per Mediaset, romanziere pluridecorato con il Premio internazionale Il Mulinello per la narrativa, Premio Colapesce, Premio Personalità Europea e Premio speciale della giuria Un libro per l’estate 2007 e con Conosco il tuo segreto, ha promesso di tornare in quel di Sassuolo ad una platea ammaliata da tanta dolcezza e cultura, tutte in una sola donna. L'abbiamo avvicinata per voi. Questo libro sembra aver cambiato anche Lei, Lei pare commuoversi quando parla di Sofia."Non mi ha cambiato ma provo una grande empatia, in quanto mi sono riconosciuta nelle sue reazione psicofisiche e mi ha colpito la sua sofferenza interiore. L'ho scoperta diversa da come l'ho conosciuta nei ricevimenti ufficiali e nelle occasioni istituzionali"Come ha reagito Sofia quando ha letto il libro?" Ha reagito bene, perché mi ha chiamato al telefono dicendomi "sono io,Sofia" in modo affettuoso"Le è piaciuta di più Sofia attrice o Sofia donna? "Più come donna che come attrice,perché come attrice la conoscevo già e considero il film"Un matrimonio all'italiana " un vero capolavoro".Qual è il libro che le ha dato più soddisfazione, forse questo? "No, non lo posso dire, visto che i primi due romanzi che ho scritto sono diventati due film per la Tv e "Conosco il tu segreto" è stato tradotto in tedesco ricevendo 4 stelle su 5 della critica".Quanto c'è della Giacobini giornalista nella Giacobini scrittrice? "C'è commistione tra la giornalista abituata alla cronaca,attenta alle descrizioni,ai tempi e la scrittrice,anche se il giornalismo è il contrario della fantasia".Cosa farà da grande? "A me piace molto scrivere, mi rende libera".
Marilena Buganza



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere