SEO: a cosa serve e quali i benefici

June 18 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La sigla SEO sta per Search Engine Optimization, che tradotto in italiano vuol dire "Ottimizzazione per i motori di ricerca". L'oggetto delle tecniche SEO sono ovviamente i siti web, e lo scopo di questa vasta famiglia di strategie è solo uno: quello di migliorare il proprio posizionamento sui motori di ricerca (Google in primis).

La maggior parte degli utenti che naviga sul web comincia proprio da un motore di ricerca, ed è chiaro che garantire una posizione alta al proprio sito internet quando viene digitata una specifica keyword è un importante passo verso il successo.
L'idea alla base di tutto è molto semplice: le aziende che posseggono e gestiscono i motori di ricerca progettano degli algoritmi che, tenendo in considerazione una serie di fattori, attribuiscono un punteggio a ogni sito web, il quale stabilisce il grado di affidabilità e autorevolezza. Se due siti trattano le medesime tematiche e si rivolgono allo stesso target, il miglior posizionamento sarà determinato esclusivamente da questo ranking.
Si intuisce, quindi, che la SEO è di fondamentale importanza per "emergere" sul web. Se esistono siti web che non applicano alcuna di queste tecniche, il risultato non può che essere una scarsa visibilità e assenza di contatti.
Ecco dunque una serie di dettagli aggiuntivi in merito alla SEO.

- SEO on-page e off-page: quali sono le differenze
Pensare che le tecniche SEO possano essere applicate solo sugli elementi che compongono il proprio sito web è sbagliato. Gli interventi che si fanno "fuori dal sito" possono addirittura avere un peso maggiore rispetto alle tecniche applicate sul sito.

Una delle principali tecniche SEO off-site, ad esempio, è nota con la locuzione "link building". La strategia di link building è finalizzata semplicemente a ottenere molti reindirizzamenti verso il proprio sito web, i quali sono da intendere come sue recensioni positive. Se, infatti, su un altro blog è presente il link di un sito, è probabile che in tale post il reindirizzamento sia stato consigliato ai lettori. Tra le tecniche di link building è anche contemplata la possibilità di ingaggiare influencer o avviare campagne pubblicitarie, mentre la presenza di collegamenti aggiunti forzatamente a messaggi di posta o forum (dai proprietari stessi del sito) non è vista di buon occhio dagli algoritmi.
Lo step successivo è quello di garantire contenuti di elevata qualità. In questo caso la qualità non si misura solo con la bontà delle informazioni riportate, ma soprattutto dalla fruibilità del sito da parte degli utenti. Garantire una struttura mobile friendly, favorire la lettura del testo dividendolo in paragrafi, aggiungere Meta Tag e Meta Title, ottimizzare il file robots.txt e bilanciare le keywords nel testo sono tutti espedienti che aiutano a raggiungere un punteggio notevole.

- Come misurare le proprie performance
Tutto quanto visto sinora è naturalmente indispensabile per migliorare il ranking. Come già detto, non bisogna dimenticare che l'obiettivo è quello di massimizzare il posizionamento sulle SERP (Search Engine Results Page), col fine di raggiungere una fetta di utenti più ampia.
Monitorare i progressi dovuti all'adozione di alcune tecniche SEO come quelle sopra elencate è importante per discutere e migliorare la propria strategia, e per fortuna Google propone una serie di tool gratuiti utili per tenere sotto controllo alcune metriche: tra questi, ad esempio, vi sono Google Analytics e Google Search Console.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere