Home articoli Societa Articolo

È ritorsivo il licenziamento del lavoratore che ha denunziato il datore di lavoro

September 17 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Con Sentenza n. 18410 del 09 luglio 2019 la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, ha ritenuto illegittimo il licenziamento disciplinare irrogato nei confronti di una dipendente che aveva sporto denuncia nei confronti del datore. 

A seguito di un’ordinanza cautelare che riteneva illegittima l’assegnazione di una lavoratrice a determinate mansioni, questa presentava una denuncia nei confronti del datore di lavoro avente ad oggetto la dolosa inosservanza di tale provvedimento. Ritenendo calunnioso il contenuto di tale denuncia la società, che affermava di non essere mai stata a conoscenza di tale ordinanza, licenziava la dipendente contestandole di aver mosso un’accusa con la consapevolezza della sua infondatezza. 

La lavoratrice, dunque, ricorreva, innanzi al Giudice del lavoro affinché ritenesse insussistente la giusta causa del licenziamento e condannasse la società a reintegrarla nel posto di lavoro, a risarcirle i danni e a versarle i contributi previdenziali. La ricorrente otteneva una pronuncia favorevole, confermata in secondo grado.

La Suprema Corte, precisando che la sentenza impugnata si fondava sull’accertamento della circostanza per la quale quando la lavoratrice aveva sporto denuncia contro il datore di lavoro non aveva mosso un’accusa consapevolmente infondata, ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dal datore di lavoro.

Sintesi estrapolata dall’articolo pubblicato sul sito lavoroediritto.it



POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Leonardo Breccolenti
Social Media manager - Studio Legale Polenzani-Brizzi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere