Home articoli Varie Articolo

Ragioni Per Cui Prendi Decisioni Sbagliate

May 12 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Quante decisioni pensi di prendere durante il giorno? Dozzine? Centinaia, forse? Gli specialisti ritengono che il numero sia effettivamente in migliaia. Alcune di queste decisioni hanno effetti clamorosi nel corso della nostra vita (come se andare o meno al college, sposarsi o avere figli), mentre altre sono relativamente banali (come se avere un panino al prosciutto o al tacchino a pranzo).

Alcune di queste scelte si rivelano davvero buone (scegli una specializzazione universitaria che porta quindi a una carriera gratificante), mentre altre finiscono per non essere così grandiose (il sandwich di tacchino che hai scelto era orribile e ti ha sconvolto lo stomaco).

Quindi, guardando indietro alla tua vita e pensando ad alcune delle povere scelte che hai fatto, potresti ritrovarti a chiederti esattamente perché hai preso quelle decisioni che sembrano così povere ora. Perché hai sposato qualcuno che era completamente sbagliato per te? Perché hai comprato quell’auto compatta troppo costosa quando hai quattro figli e hai bisogno di un veicolo più grande? Cosa stavi pensando quando hai comprato quei terribili jeans a vita alta lo scorso autunno?

Mentre è ovvio che probabilmente continuerai a prendere decisioni sbagliate , puoi ottenere una comprensione più profonda del processo dietro queste scelte a volte irrazionali. Ci sono una serie di fattori che contribuiscono a scelte sbagliate e sapere come funzionano questi processi e influenzare il tuo pensiero può forse aiutarti a prendere decisioni migliori in futuro.

Quindi, scopri perché prendere scorciatoie mentali a volte porta a scelte sbagliate.

Le scorciatoie mentali possono inciampare
Se dovessimo riflettere su ogni possibile scenario per ogni possibile decisione, probabilmente non faremmo molto in un giorno. Per prendere decisioni rapidi ed economicamente, il nostro cervello si affida a una serie di scorciatoie cognitive note come euristiche.  Queste regole empiriche mentali ci consentono di dare giudizi abbastanza rapidi e spesso in modo abbastanza accurato, ma possono anche condurre a pensieri confusi e decisioni sbagliate.

Un esempio di ciò è una piccola scorciatoia mentale subdola nota come pregiudizio dell’ancoraggio.  In molte situazioni diverse, le persone usano un punto di partenza iniziale come un’ancora che viene quindi regolata per produrre una stima o un valore finale. Ad esempio, se stai acquistando una casa e sai che le case nel tuo quartiere target in genere vendono per un prezzo medio di € 258.000, probabilmente userai quella cifra come base per negoziare il prezzo di acquisto della casa che scegli.

In un classico esperimento di alcuni ricercatori, ai partecipanti è stato chiesto di girare una ruota della fortuna che offriva un numero compreso tra 0 e 100. Ai soggetti è stato quindi chiesto di indovinare quanti paesi dell’Africa appartenessero alle Nazioni Unite. Coloro che avevano ottenuto un numero elevato sulla ruota della fortuna avevano maggiori probabilità di indovinare che c’erano molti paesi africani nelle Nazioni Unite, mentre quelli che avevano ottenuto un numero più basso avrebbero probabilmente dato una stima molto più bassa.

Quindi cosa puoi fare per ridurre al minimo il potenziale impatto negativo di queste euristiche sulle tue decisioni?

Gli esperti suggeriscono che diventare più consapevoli di come l’impatto delle decisioni sull’euristica può aiutarti a evitare di prendere decisioni sbagliate.

Nel caso della tendenza all’ancoraggio, può essere utile fornire una serie di possibili stime. Quindi, se stai acquistando una nuova auto, trova una gamma di prezzi ragionevoli piuttosto che concentrarti sul prezzo medio complessivo di un determinato veicolo. Se sai che un nuovo SUV costerà tra € 27.000 e € 32.000 per le dimensioni e le caratteristiche che desideri, puoi quindi prendere una decisione migliore su quanto offrire per un particolare veicolo.

Quindi, scopri come i confronti che fai a volte portano a decisioni troppo sbagliate.

Spesso fai scarsi confronti
Come fai a sapere che hai fatto un buon affare su quella tavoletta digitale che hai appena acquistato? O come fai a sapere che il prezzo che hai pagato per un litro di latte al supermercato era giusto? Il confronto è uno dei principali strumenti che utilizziamo per prendere decisioni. Sai qual è il prezzo tipico per un litro di latte, quindi confronti le offerte per trovare il miglior prezzo possibile. Assegniamo valore in base al modo in cui gli articoli si confrontano con altre cose.

Ma cosa succede quando fai paragoni scadenti? O quando gli articoli a cui stai confrontando le tue opzioni non sono rappresentativi o uguali? Considera questo per esempio: quanto lontano andresti a risparmiare € 20?

Se ti dicessi che potresti risparmiare € 20 su un oggetto da € 75 guidando 25 minuti fuori dalla città, probabilmente lo faresti. Ma se ti dicessi che potresti risparmiare € 20 su un oggetto da € 10.000, saresti comunque disposto a fare di tutto per risparmiare? Nella maggior parte dei casi, le persone sono meno disposte a viaggiare ulteriormente per risparmiare sull’oggetto più costoso. Perché? Venticinque euro valgono comunque lo stesso importo in entrambi i casi.

In questi casi, sei appena caduto vittima di un confronto errato. Dal momento che stai confrontando l’importo che risparmi con quello che paghi, € 20 sembra un risparmio molto maggiore se confrontato con un articolo di € 75 rispetto a un articolo di € 10.000.

Quando prendiamo decisioni, facciamo spesso confronti rapidi senza pensare davvero alle nostre opzioni.

Al fine di evitare decisioni sbagliate, fare affidamento sulla logica e un attento esame delle opzioni a volte può essere più importante che fare affidamento sulla vostra immediata “reazione intestinale”.

Puoi essere troppo ottimista
Quando viene detto alle persone che il rischio che accada qualcosa di brutto è inferiore al previsto, tendono quindi ad adattare le loro previsioni in modo che corrispondano alle nuove informazioni apprese. Quando scoprono che il rischio che accada qualcosa di brutto è in realtà molto più elevato di quanto stimato, tendono semplicemente a ignorare le nuove informazioni. Ad esempio, se una persona prevede che le probabilità di morire per il fumo di sigarette sono solo del 5%, ma viene poi detto che il rischio reale di morire è in realtà più vicino al 25%, le persone probabilmente ignoreranno le nuove informazioni e continueranno con la loro stima iniziale.

Parte di questa visione eccessivamente ottimistica deriva dalla nostra naturale tendenza a credere che cose brutte accadano ad altre persone, ma non a noi. Quando sentiamo parlare di qualcosa di tragico o spiacevole accadere a un’altra persona, tendiamo spesso a cercare cose che la persona potrebbe aver fatto per causare il problema. Questa tendenza a incolpare le vittime ci protegge dal dover ammettere che siamo altrettanto suscettibili alla tragedia come chiunque altro.

Questo approccio viene noto come pregiudizio dell’ottimismo, o alla nostra tendenza a sopravvalutare la probabilità di sperimentare eventi positivi mentre sottovalutiamo la probabilità di sperimentare eventi avversi. 

Quindi che impatto ha questo pregiudizio sull’ ottimismo sulle decisioni che prendiamo? Poiché potremmo essere eccessivamente ottimisti riguardo alle nostre capacità e prospettive, è più probabile che crediamo che le nostre decisioni siano le migliori.

Gli esperti potrebbero avvertire che fumare, essere sedentari o mangiare troppi zuccheri può uccidere, ma il nostro pregiudizio per l’ottimismo ci porta a credere che uccida principalmente altre persone, non noi.



POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere