Quanto vale il business degli escrementi?

September 22 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Convertire escrementi umani in energia e nuove risorse: come sempre più associazioni e imprenditori sono impegnati a trasformare i nostri scarti più indesiderati in piccoli tesori

Per gli antichi romani la raccolta e lo smaltimento delle deiezioni umane era un business: l’urina proveniente dalle latrine private veniva infatti rivenduta e utilizzata da conciatori e da lavandai, alimentando un volume d’affari tale da attirare l’attenzione degli esattori imperiali.
Oggi l’idea di poter trasformare in un affare proficuo il trattamento dei reflui umani è rilanciata da iniziative e imprenditori in tutto il mondo. Il potenziale è enorme: il solo biogas prodotto dallo smaltimento degli escrementi umani nel mondo potrebbe generare energia sufficiente a mantenere fino a 138 milioni di famiglie secondo un report del 2016 dell’Istituto per l’Acqua, l’Ambiente e la Salute delle Nazioni Unite (UNU-INWEH), per un valore di 9,5 miliardi di dollari.

Secondo stime dell’UNICEF e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità quasi 2,4 miliardi di persone nel 2015 non avevano a disposizione servizi igienici e circa 1 miliardo di persone defecavano all’aperto.
I reflui vengono riversati nell’ambiente inquinando i terreni e le acque e favorendo la diffusione di malattie come diarrea, colera, febbre tifoidea e epatite A.
La Fondazione Bill & Melinda Gates, che sponsorizzata dal celebre miliardario supporta la ricerca e costruzione di impianti di depurazione economici e sostenibili, ha finanziato un progetto pilota a Dakar, in Senegal, che da un paio di anni trasforma gli escrementi di 50.000-100.000 persone in acqua potabile, generando anche l’energia necessaria al suo stesso funzionamento.

Nel Regno Unito circolano autobus alimentati con il biogas prodotto dagli impianti di trattamento delle acque nere, mentre sono già in commercio da anni mattoni e prodotti cementizi costituiti proprio dai fanghi residui che rimangono al termine del processo di purificazione.

L’Italia è dotata di un sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue sufficiente, ma ci sono ancora ampli margini di miglioramento, tanto che l’Unione Europea ha più di una procedura di infrazione aperta nei confronti del nostro paese proprio per la condizione e la gestione di diversi impianti fognari.

Fonte: https://www.galileonet.it/2017/09/economia-valore-escrementi/



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Leonardo Bertolli
responsabile sito web - Cancellotti srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere