Home articoli Societa Articolo

Pulizia della piscina: cosa occorre per eseguirla?

May 25 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Avere una bella piscina non può che essere una prerogativa allettante, ma ovviamente una vasca come questa necessita di un’adeguata manutenzione, soprattutto per quel che riguarda la pulizia.

Avere una bella piscina non può che essere una prerogativa allettante, ma ovviamente una vasca come questa necessita di un’adeguata manutenzione, soprattutto per quel che riguarda la pulizia.

Per mantenere una piscina perfettamente pulita si devono curare diversi aspetti, scopriamo subito, dunque, tutto ciò che è necessario in tale ottica.

Il filtraggio dell’acqua

Anzitutto, la pulizia di una piscina è legata al sistema di filtraggio ad essa abbinata.

L’impianto di filtraggio si compone di una pompa, la quale mette in circolo l’acqua, e del filtro in senso stretto, in cui il liquido viene incanalato affinché sia liberato dalle impurità; l’acqua filtrata, ovviamente, viene poi nuovamente immessa in vasca.

In commercio sono disponibili diverse tipologie di impianti di filtraggio per piscine, e tra quelli più validi si segnalano quelli a sabbia: questo materiale, essendo composto da granuli estremamente sottili, sa infatti rivelarsi molto efficace nel trattenere le impurità.

È ovviamente indispensabile che l’impianto di filtraggio sia sempre commisurato alle dimensioni della vasca, ovvero alla quantità di litri che devono essere depurati.

La pulizia dei filtri

Quando si parla di pulizia della piscina si deve considerare anche la pulizia degli stessi filtri, un’operazione piuttosto semplice, ma che comunque dev’essere eseguita con la dovuta regolarità.

Gli impianti di filtraggio sono progettati appositamente affinché la loro pulizia risulti agevole, inoltre è altrettanto opportuno provvedere, periodicamente, alla sostituzione dei materiali filtranti, quindi quelli tramite cui il filtro esercita la sua azione.

Per mantenere ben pulita una piscina, tuttavia, sono necessarie anche altre operazioni: alcune di esse possono essere del tutto automatiche, altre invece richiedono dei semplici interventi manuali.

La pulizia del fondo

Anzitutto, bisogna provvedere con la dovuta periodicità alla pulizia del fondo, un punto della vasca sicuramente piuttosto critico in cui tendono a depositarsi i residui di sporco più grossolani.

La tecnologia, in questi casi, sa essere provvidenziale: utilizzando degli aspiratori, infatti, è possibile prelevare lo sporco depositato sul fondo della piscina senza dover entrare nella medesima, in alternativa si può far ricorso ai robot, i quali si muovono autonomamente e funzionano in un modo del tutto analogo a quello che contraddistingue i robot domestici per la pulizia del pavimento.

Gli scompartimenti interni di questi dispositivi, ovviamente, devono essere periodicamente svuotati.

La pulizia delle pareti e della superficie

Anche le pareti interne della piscina possono essere un punto meritevole di una pulizia specifica: difficilmente lo sporco si deposita sulle pareti, tuttavia su tali superfici possono svilupparsi delle alghe per via dell’esposizione costante ai raggi del sole.

Alla luce di questo, dunque, per pulire le pareti interne di una piscina si può utilizzare una spazzola munita di un’asta: in questo modo le alghe saranno eliminate dalla parete e, successivamente, i filtri non avranno difficoltà nel “catturarle”.

Dello sporco, ovviamente, può depositarsi anche in superficie, si pensi ad esempio al fogliame o a quant’altro può essere trasportato dal vento; da questo punto di vista, utilizzare un retino dalla lunga asta può essere più che sufficiente per asportare qualsiasi corpo estraneo senza dover entrare in vasca.

Articoli come questi si possono trovare facilmente in e-commerce specializzati come www.acquavivastore.it.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere