Pokemon Go: alcune storie inedite e folli accadute ai possessori di questo gioco

August 30 2016
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ai giocatori di Pokemon Go accadono quotidianamente degli aneddoti spesso incredibili e insoliti, ecco quindi qualche racconto inedito.

Credete di conoscere tutto sulla nuova applicazione che sta letteralmente facendo impazzire il mondo, ovvero Pokemon Go?
Ecco allora qualche storia folla che vi lascerà a bocca aperta e che riguarda appunto questo particolare gioco.


Il parto del Pokemon

La nascita di un figlio rappresenta un momento incredibile per ogni persona, anche per gli allenatori di Pokemon maggiormente accaniti.
Ma quando in sala parto appare un Pokemon, la tentazione diventa tale che, il riuscire a catturare la creatura, assume un'importanza superiore rispetto a tutto il resto.
Questo è quanto è accaduto a Jonathan Theriot, un giovane uomo che, in sala parto, ha avuto la geniale idea di ingannare il tempo cercando dei Pokemon.
E senza alcun tipo di trucco, l'uomo è riuscito a catturare un Pidgey, mentre sua moglie partoriva la sua terza figlia.
Sfortunatamente, però, il padre non ha voluto sfruttare l'occasione per fare notizia: egli, infatti, ha deciso di non dare il nome della creatura alla figlia, lasciando delusa l'intera comunità degli allenatori dei Pokemon.


Un Magikarp per cena

La storia di una coppia statunitense ha fatto divertire tantissimo il web: protagonista il Pokemon d'acqua Magikarp, ovvero uno di quelle creature che ha lo strano vizio di apparire nei momenti meno opportuni e nei luoghi più impensabili.
La coppia, mentre preparava la cena, ha deciso di cucinare il pesce in padella: non si sa quale sia stato l'ingrediente segreto ma, senza nemmeno sfruttare uno dei tantissimi trucchi Pokemon Go, ecco che la creatura è apparsa sulla padella, assieme agli altri pesci cucinati dalla coppia.
La foto ovviamente ha fatto il giro del web e molti allenatori si sono chiesti che sapore potesse avere la loro cena, vista l'aggiunta del Magikarp alla pietanza, mentre altri hanno accusato i due di essere disumani e di aver mangiato un Pokemon ancora vivo.

Con Pokemon Go si diventa investigatori

Quanti di voi credono che, col gioco Pokemon Go, si trovino solo le semplici creatori?
Ebbene, con questo gioco è anche possibile trovare altro, e questo lo sa benissimo la giovane allenatrice australiana Shayla Wiggins.
La ragazza, mentre camminava per poter riuscire a trovare nuove creature da aggiungere alla sua collezione, si è trovata a dover fare i conti con una scoperta da film thriller: nell'acqua di un torrente, Shayla Wiggins ha trovato un cadavere col volto rivolto verso l'acqua.
Dopo l'iniziale paura e agitazione, la ragazza ha contattato le forze dell'ordine, le quali hanno iniziato ad effettuare le indagini per scoprire di chi si trattasse il corpo.
La vittima, la cui identità non è stata rivelata pubblicamente, risultava scomparsa da circa una settimana e le ricerche non si erano spinte fino a quella zona.
Grazie tale scoperta, la giovane ragazza è stata definita come la signora in giallo: dove si reca lei, gli omicidi sono sempre presenti.


La stazione di polizia e rifornimento Pokeball

Le stazioni di polizia, col gioco di Pokemon Go, hanno cambiato in parte il loro scopo e le persone vi entrano con maggior frequenza.
Sempre in Australia, la stazione di Darwin si è trasformata in una vera e propria attrazione per i giocatori di Pokemon Go, visto che questi hanno scoperto che, la struttura delle forze dell'ordine, si era tramutata in un luogo dove era possibile poter riuscire a fare rifornimento delle tanto utili sfere.
Per evitare continui arrivi indesiderati all'interno della caserma, sul sito della polizia ed anche sulla parete esterna della stazione, è stato posto un cartello nel quale veniva spiegato, in maniera ironica, che quel luogo serviva per tutelare i cittadini e non gli allenatori di Pokemon.
Nella comunicazione veniva anche spiegato di evitare di adoperare il cellulare mentre si guida e di prestare la massima attenzione al mondo che circonda le persone quando si cammina a piedi.


Quello strano Diglett sui pantaloni

Il Pokemon Diglett, ovvero quella sorta di talpa dalla forma che ricorda un wurstel, è stato l'oggetto dell'ilarità generale visto che, la suddetta creatura, è servita per identificare gli allenatori maschi.
Sul web, infatti, sono moltissime le foto che, nella zona dell'organo sessuale maschile, vi è un Diglett che spunta in maniera improvvisa, come se l'uomo fosse in una fase d'eccitazione incredibile.
Questo fatto ha anche permesso di evitare che, le foto delle allenatrici, venissero scambiate con quelle degli allenatori: per uno strano caso, le foto delle gambe col jeans ed il Diglett presente riguardano solo gli utenti di sesso maschile che utilizzano questa semplice applicazione, come se la creatura sapesse distinguerli dal solo nickname.

Questi sono solo alcuni dei fatti maggiormente curiosi che riguardano il gioco di Pokemon Go, ma sicuramente non saranno gli unici, dato che l'applicazione viene utilizzata da un numero sempre più crescente di persone provenienti da ogni parte del mondo e di tutte le età.



Licenza di distribuzione:
Massimo Ragionieri
Titolare - Creative Dojo di Massimo Ragionieri
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere