Parlare in Pubblico: un Errore da non commettere

October 28 2013
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Uno degli errori più gravi commessi quando si deve parlare in pubblico è quello di essere troppo rigidi. La maggior parte degli oratori o pseudo tali si focalizza sul lanciare il proprio messaggio senza preoccuparsi di cosa sia effettivamente arrivato.

Qualsiasi uditorio, qualunque platea – piccola o grande – è composta di singoli individui e ognuno di essi ha il proprio modo di interpretare e valutare quello che noi gli diremo.

Uno degli errori più gravi commessi in questo campo è quello di essere troppo rigidi. La maggior parte degli oratori o pseudo tali si focalizza sul lanciare il proprio messaggio senza preoccuparsi di cosa sia effettivamente arrivato e di come l’uditorio risponda, man mano, a ciò che si dice e si fa.

Il loro focus e la loro attenzione sono rivolti verso l’interno di se stessi.

Devono fare un dato intervento e ci si lanciano a capofitto, senza tener conto di quello che accade intorno a loro. Parlano, parlano, parlano incuranti di quello che accade in sala e senza tener minimamente conto di chi hanno di fronte. Per questo motivo usano un linguaggio troppo tecnico oppure troppo elementare, troppo serio o troppo informale.

Sono focalizzati solo sul loro stato d’animo e non si preoccupano di quello che pensa l’uditorio. Non interagiscono in nessun modo e non fanno domande. E, cosa peggiore ignorano gli imprevisti, le domande o le obiezioni che gli vengono poste.

È un po’ come dire: “Devo fare questa cosa, la faccio. Non importa se non funziona o funziona poco. Io l’ho fatta!”

Il segreto è essere flessibili.

Uno dei segreti dei più grandi oratori è la flessibilità e l’attenzione costantemente rivolta ai loro interlocutori.
Il loro focus e la loro attenzione sono rivolti sia verso se stessi sia verso l’esterno.

Quindi, se vuoi che il tuo discorso sia efficace, devi monitorare costantemente gli effetti del tuo discorso sul pubblico, in modo da poter apportare immediatamente tutte quelle modifiche funzionali al raggiungimento del tuo obiettivo. Proprio come farebbe un abile capitano di una nave, che, avendo ben chiara la rotta, è sempre pronto a virare per schivare ostacoli e imprevisti e giungere con tutta il suo equipaggio a destinazione.

Questo include sviluppare i sensi per percepire a livello emotivo il clima della sala, per ascoltare ciò che si dice, per osservare quello che accade. Osserva attentamente la comunicazione non verbale di chi ti sta ascoltando. Ti permetterà di avere un feedback continuo ovvero un responso in tempo reale, degli effetti del tuo intervento.
Poi, naturalmente, devi adeguarti a quello che accade e alla risposta dell’uditorio ai tuoi messaggi, per ricondurlo e guidarlo verso il tuo obiettivo.

Questo implica sviluppare la flessibilità necessaria per adattare il tuo comportamento alla risposta (feedback) che ottieni e permette di creare e mantenere un continuo stato di “rapport”, empatia, con i partecipanti.

Quindi, parlare in pubblico in modo efficace, significa decidere continui impercettibili cambiamenti di rotta del tuo intervento, o magari grandi e vistosi.

Ad esempio, variare il ritmo, il volume ed il tono della tua voce, è utile per tenere viva l’attenzione del pubblico. Se ti rendi conto che il livello di attenzione sta calando, puoi inserire una storia. Se c’è troppa stanchezza, puoi anticipare una pausa.
Inoltre la flessibilità ti sarà utile per rimanere nel tempo che hai a tua disposizione e quindi tagliare una parte se stai “andando lungo” (a guardare in giro, pare sia una delle cose più difficili da fare ed allo stesso tempo uno degli errori più stupidi e frequenti), oppure aggiungere qualcosa se stai “andando corto”.

Lavorare in questa maniera ti permetterà di far passare molto più facilmente i messaggi, di avere poca o nessuna resistenza e, sostanzialmente, di rendere l’esperienza più produttiva per la crescita personale e professionale dei partecipanti.

Per facilitare questo processo è importante la preparazione. Quanto più sei preparato a fare qualcosa, con tanta più sicurezza sei in grado di eseguirla “in automatico” e tanto più puoi spostare il focus all’esterno per osservare e percepire ciò che sta accadendo. Questo ti permetterà di adeguarti e guidare l’uditorio verso gli obiettivi che ti sei prefisso.

Questo perché, quando sei ben preparato sul contenuto, puoi concentrarti sulla forma dell’esposizione.

Se vuoi scoprire come preparare un discorso efficace, scarica il report gratuito “8 Passi per un Discorso Efficace”, cliccando nel link qui sotto.

A presto
Simone



Licenza di distribuzione:
Simone Moroni
Responsabile pubblicazioni - Simone Moroni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere