Mutuo a tasso variabile: perché sceglierlo?

November 25 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Quando si decide di acquistare casa e di richiedere un mutuo presso una società finanziaria o un istituto di credito, uno degli interrogativi più comuni riguarda la scelta del tasso fisso o del mutuo a tasso variabile.

Quando si decide di acquistare casa e di richiedere un mutuo presso una società finanziaria o un istituto di credito, uno degli interrogativi più comuni riguarda la scelta del tasso fisso o del mutuo a tasso variabile.

La risposta più scontata che possiamo ricevere a questi interrogativi è la definizione, generale, delle due tipologie di mutuo: con il tasso fisso è possibile pagare delle rate sempre uguali, mentre con il tasso variabile si subiscono dei cambiamenti mensili e soprattutto nel lungo periodo.

Tuttavia, è consigliato approfondire e avere tutte le informazioni sul mutuo a tasso variabile per avere ben chiari i dati che permettono di fare una scelta consapevole, soprattutto in questo periodo in cui torna a far gola il mutuo a tasso variabile.

Mutuo tasso variabile: in cosa consiste e quali sono i vantaggi

Negli ultimi mesi, tutti gli esperti del settore finanziario e immobiliare hanno gli occhi puntati sul nuovo fenomeno attraverso cui gli interessi del fisso salgono gradualmente e quelli del tasso variabile si apprestano a restare uguali o ad avere variazioni minime che permettono di riacquistare le quote di mercato.

I mutui a tasso variabile sono da anni considerati le tipologie di finanziamento più convenienti e al tempo stesso rischiose nel lungo periodo, a causa delle oscillazioni dei mercati finanziari che possono causare una modifica dell’importo della rata.

Il tasso variabile è legato all’indice di riferimento Euribor, che a differenza dell’indice del tasso fisso, risente fortemente dell’andamento del mercato. A differenza di un decennio fa, in questi anni si è assistito all’assottigliamento del gap tra tasso variabile e tasso fisso, grazie agli allineamenti dei diversi indici di riferimento.

Perché conviene un mutuo tasso variabile?

Secondo gli analisti e gli esperti del settore, la convenienza del mutuo a tasso variabile consiste negli interessi iniziali che favoriscono una situazione più economica nell’immediato, perché i tassi di interesse sono minori rispetto a quelli di un mutuo a tasso fisso.

Nei primi mesi del piano di ammortamento, quindi, il mutuario ottiene una rata dell’importo ridotta che varia successivamente in base all’andamento del mercato e può subire dei leggeri cambiamenti nei mesi successivi.

Secondo gli esperti del settore, con molta probabilità, il tasso fisso è in grado di rimanere sotto la soglia del tasso fisso per tutta la durata del contratto. Basti pensare che, attualmente, i tassi fissi applicati oscillano tra il 5% e il 7%, quindi chi ha un mutuo a tasso variabile continua ad ottenere un risparmio economico sugli interessi.

L’importo di una rata del mutuo a tasso variabile aumenta quando sale l’indice di riferimento e viceversa. La frequenza di oscillazione del mercato è molto alta, per questo motivo, ad oggi è possibile accedere a delle soluzioni di mutuo a tasso variabile con rata costante, che rappresentano delle soluzioni innovative e meno incisive sulla situazione finanziaria di coloro che hanno richiesto un mutuo.

Come calcolare la rata del tasso variabile

L’importo della rata di un mutuo tasso variabile può essere calcolato con i parametri dell’Euribor. Ricordiamo che la rata può essere sia mensile che semestrale. Per calcolare la rata del mutuo è importante conoscere i valori che influenzano il calcolo:


  • Valore dell’immobile;

  • Finalità del mutuo;

  • Importo;

  • Durata del mutuo;

  • Numero di rate da pagare;

  • Tasso di interesse variabile (si somma lo spread richiesto dalla banca con l’indice di riferimento a 1,3 o 6 mesi);

  • Spread.


 

(TA) Tasso annuo del finanziamento / (PA) Numero di rate da pagare in un anno


------------------------------------------------------------------------------------------------


(1+ (TA/PA) (TA*PA) -1)


Esistono tanti strumenti disponibili online per il calcolo della rata del mutuo a tasso variabile o fisso, che necessitano di tutti i dati ed effettuano specifici calcoli matematici in base al valore in tempo reale degli indici di riferimento.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere