Home articoli Societa Articolo

Le emozioni hanno un colore?

June 1 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Se associo la rabbia al colore "rosso", sono italiano, tedesco o greco? L’Intelligenza Artificiale potrebbe scoprirlo!

Lo spettro ottico

Prima di cominciare, è necessario comprendere come definiamo il colore.

Lo spettro ottico è l’insieme dei colori visibili raccolti in successione graduale. Ci sono più sfumature e più tonalità: per esempio, ciò che vede l’occhio umano va dal rosso al viola. Per questo motivo, in passato la società umana ha convenzionalmente suddiviso questo spettro in sottoinsiemi più ridotti in cui raggruppare delle tonalità da indicare con lo stesso nome.

Per esempio, un colore corrisponde a sua volta ad una serie di sfumature riconducibili al parametro iniziale. In tal senso, il rosso include la tonalità più accesa del bordeaux, così come la sfumatura più chiara riconducibile quasi all'arancione.

Queste sottocategorie sono state definite allo stesso modo?
Ovviamente no!

Geneva Emotion Wheel

Uno studio condotto nel 2019 su un campione di 711 persone provenienti da paesi diversi, fra cui Cina, Germania, Grecia e Regno Unito, indica che la cultura di provenienza è una delle variabili per attribuire un colore ad un’emozione.

Gli studiosi, attraverso un processo di apprendimento automatico (machine learning), hanno dedotto la nazionalità del campione sulla base dell’associazione emozione-colore. Il livello di precisione è stato dell’80%.

Il tool utilizzato è Geneva Emotion Wheel.
Come funziona?

Alle persone è stata presentata una gamma cromatica di dodici colori e uno di questi doveva essere associato a venti emozioni in termini di intensità da “nulla” a “massima”. Le nuance più emozionanti sono il rosso, il nero e il rosa, al contrario del marrone e del viola.

Il nero è la sfumatura della tristezza e delle emozioni negative, come paura, odio e rabbia. È molto interessante anche la percezione del rosso, in quanto visto da un lato come amore e emozioni positive e dall'altro come rabbia e odio.

Al di là degli stereotipi comuni, la visione delle colorazioni dipende anche dalla nazionalità. Per esempio, secondo i tedeschi il marrone è disgusto e per i greci il viola è sinonimo di tristezza. Dunque, se associo la rabbia al colore "rosso", da dove provengo?

L’Intelligenza Artificiale potrebbe scoprirlo!
Stay tuned!

POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Ilaria Regalin
Web Content Specialist - Dedicated Italia Srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere