Home articoli Varie Articolo

Il problema della sciamatura delle api: come evitarla

April 6 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

In questo articolo ti spiegheremo che cos'è la sciamatura e come si può evitare.

La sciamatura è uno dei maggiori "problemi" che l'apicoltore deve affrontare tutti gli anni per la natura stessa delle api: ma non vi scoraggiate, ci sono diversi modi per evitare questo inconveniente che porta la famiglia che sciama a non produrre miele.
La sciamatura tecnicamente è il metodo di riproduzione delle api.
L’ ape regina parte in volo seguita da un numero variabile di api operaie, talvolta molto cospicuo, dividendo in due la famiglia di origine.

Imbattersi in uno sciame può essere impressionante: le api si levano numerose con gran rumore di volo e creano una vera e propria nuvola scura che vortica nel cielo, finchè tutte non si saranno posate in un punto prestabilito per costruire il nuovo nido.

Di solito a spiccare il volo è la regina “vecchia”

L’arnia da cui è partito lo sciame è detta ORFANA poiché SENZA REGINA: le api provvederanno autonomamente ad allevarne un’altra.

La sciamatura avviene in Primavera, indicativamente in Piemonte nelle prime settimane di Maggio ma ovviamente non è possibile stabilire una data precisa e varia anche in base all’altitudine cui si trovano gli apiari.

Occorre infatti fare attenzione a quando si portano in montagna le api per il nomadismo, dopo il raccolto di acacia perchè potrebbero ripresentarsi le condizioni favorevoli ad innescare la febbre sciamatoria.

La sciamatura avviene comunque in seguito alla nascita di fuchi, senza i quali le regine vergini che vengono allevate nelle famiglie rimaste orfane non potrebbero essere fecondate.

-Rimozione delle celle reali
-Aumento dello spazio a disposizione della famiglia
-Aumento della circolazione di aria



POTREBBE INTERESSARTI
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere