Hai deciso di vendere la tua casa? Ecco qualche prezioso consiglio

November 29 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Se hai deciso di vendere la tua casa ecco qui qualche piccolo suggerimento per iniziare bene ed evitare sgradevoli sorprese in seguito.

Hai deciso di vendere la tua casa? Allora per iniziare, è meglio dare un’occhiata approfondita all’ atto di acquisto comunemente chiamato “ROGITO” e iniziare a fare delle verifiche iniziali. Serviranno per sapere se si è a posto con i documenti della casa.

Successivamente, ci si dovrebbe procurare la scheda planimetrica e le visure catastali aggiornate dell’immobile.

Poi, attraverso un tecnico abilitato, è necessario predisporre l’APE che attesta la prestazione energetica dell’immobile che si vende.  Il dato che risulta deve essere riportato in ogni forma di pubblicità che si farà (anche nei cartelli)  anche se si vende in forma privata. L’attestato dovrà essere consegnato all’acquirente. In seguito ci si potrà dedicare al marketing ma non prima di aver fatto una seria e razionale analisi di mercato.


Per cominciare bene, quando decidi di vendere casa devi esaminare il relativo atto di acquisto perché se non si ha chiaro il contenuto ciò potrebbe generare seri problemi in fase di trattativa o di chiusura della trattativa.

Accertare con esattezza l’intestatario dell’immobile, appurare di stare vendendo l’immobile giusto (prendendo le planimetrie catastali della casa e verificare che corrispondano esattamente, e poi appurare che i dati di identificazione catastale (comune – sezione – foglio – particella – subalterno) siano gli stessi riportati nell’atto di acquisto.

All’interno dell’atto, controllare se sono richiamate delle convenzioni o dei vincoli particolari, tipo:
Convenzioni con il Comune; servitù o ulteriori pesi che gravano sull’immobile; e vari altri oneri.

Importantissimo verificare che sia riportata la concessione edilizia o il permesso di costruire e che ci sia il certificato di agibilità. In caso non ci siano, si va in comune per la verifica e il recupero degli atti. Inoltre devono essere citate eventuali rilasci di concessione edilizia in sanatoria   e in generale che siano riportate tutte le pratiche urbanistiche che sono state fatte per la costruzione della casa e per eventuali successive variazioni (anche lo spostamento di un muro) 

Altro punto fondamentale è verificare la dichiarazione relativa al regime patrimoniale. Infatti se l’acquisto dell’immobile è stato fatto in regime di comunione dei beni, per venderlo è necessario ovviamente anche la firma dell’altro comproprietario.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Ornella Cibin
titolare - IMMOBILI.A.VARESE di Cibin Ornella
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere