Home articoli Corsi Articolo

Email marketing, perché evitare la pubblicità esterna nelle nostre email

November 18 2013
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Creare una campagna email marketing davvero efficace non è di certo un impresa facile. Spieghiamo come può essere deleteria la pubblicità esterna e i servizi Ad-Based.

Creare una campagna email marketing davvero efficace non è di certo un impresa facile. Molti fattori come il tipo di linguaggio usato, la formattazione, l'oggetto o titolo del messaggio email, la tipologia di offerta e molte altre variabili vengono prese in considerazione quando ci si appresta a creare una campagna email marketing efficace. L'obiettivo è primariamente quello di catturare l'attenzione del lettore, stimolare il suo interesse dirigendo la sua attenzione verso il nostro prodotto o servizio e soddisfare una sua esigenza proponendo un offerta che lo spinga a riflettere e considerare entro breve termine la possibilità di acquistare il nostro prodotto.

Per raggiungere tali obiettivi vengono utilizzate diverse strategie e tecniche di email marketing, proprio perché dato l'enorme quantità di pubblicità e proposte commerciali che oggi giorno le persone ricevono tramite email, non sempre è facile riuscire a indirizzare il loro interesse e attenzione verso ciò che proponiamo.

In tutto questo grande lavoro c'è un elemento DELETERIO che può distruggere ogni sforzo che tu fai per creare un campagna email marketing efficace: La Pubblicità esterna. Dopo aver creato una campagna con impegno e attenzione.. Vuoi correre questo rischio?

Se la tua email mostra nel piè di pagina oppure nell'intestazione, o in qualunque parte del contenuto una pubblicità che non ha nulla a che fare con il tuo business, che non rimanda a nessuno dei tuoi siti web o che non c'entra assolutamente nulla con l'argomento che tu tratti nel contenuto dalla tua email, avrai DEMOLITO il 90% del tuo lavoro di ottimizzazione della campagna e la tua campagna email Marketing sarà inefficace.

Ecco perchè sarebbe dannoso per il tuo Business e per la “Fidelizzazione” delle tue liste, ricevere dalle tue email messaggi pubblicitari che non hanno alcuna attinenza con l’argomento trattato e con il tuo lavoro. Ricevere messaggi pubblicitari di cui i tuoi iscritti non nutrono alcun interesse può portare ogni tuo iscritto a disinteressarsi anche delle tue newsletter, a distogliere la loro attenzione sull’argomento o l’offerta proposta, a cestinare i tuoi messaggi o addirittura cancellarsi dalla tua mailing list (si tratta pur sempre di pubblicità periodica che a loro NON interessa e nella maggior parte dei casi può dare fastidio).

Nel migliore dei casi, quando la pubblicità inserita dal gestore del servizio ha qualche attinenza con il tuo business (in genere è molto difficile che lo sia), diventa sempre e comunque un diversivo che potrebbe catturare e indirizzare l’attenzione del TUO potenziale cliente verso un altro prodotto, magari tuo concorrente, trasformando la tua newsletter come strumento per convertire verso vendite e prodotti che non sono i tuoi!

Pensa seriamente a questi aspetti quando stai valutando se usare un servizio autorisponditori gratuito ad-based oppure un servizio autorisponditori professionale a pagamento. Non è un caso se tutti i migliori esperti professionisti e consulenti di web marketing consigliano di evitare i servizi gratuiti di autorisponditori ad-based per la propria attività professionale e business online.

Oltre 450 aziende, privati e professionisti hanno scelto il nostro servizio di Autorisponditori Professionali per creare e gestire con Efficacia le loro campagne email marketing. Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale al seguente link...



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere