Decalogo per il business writing

October 2 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Tanto impegno mettiamo nella scrittura contenuti per il nostro blog, ma i risultati sperati sono piuttosto deludenti. Che fare? Che cosa ci manca per arrivare alle nostre aspettative?

Abbiamo un sito web sito aziendale, un e-commerce o un blog, ci mettiamo l'anima per cercare di dare il più possibile visibilità creando contenuti di qualità che pubblichiamo regolarmente, ma nonostante tutto non riusciamo ad ottenere i risultati sperati.

Che cosa ci manca? Cosa dobbiamo fare per ottenere quel qualcosa in più?

Ve lo dico subito con questo breve decalogo.

L'obiettivo

Qual è lo scopo dei nostri contenuti? Qual è l'obiettivo che ci prefiggiamo?

In pratica: prima di iniziare a scrivere, chiediamoci che cosa vogliamo ottenere dalla nostra comunicazione.

Creare valore aggiunto

Le domande che dobbiamo sempre porci quando creiamo un contenuto sono:

- Questo contenuto soddisferà le aspettative dei nostri lettori?
- Risolverà veramente il suo problema?
- Al termine della lettura avrà in mano la chiave per risolvere efficacemente le sue necessità?

La linea editoriale

Che tipo di articoli vogliamo pubblicare? Vogliamo scrivere le nostre opinioni? Dare dei consigli? Citare dei casi di studio? Commentare dei fatti reali?

In sostanza dobbiamo dare un'impronta ben precisa a quello che pubblichiamo.

Citare i casi di studio

Per rendere ancor più efficace la comunicazione, citiamo dei casi di studio, o meglio ancora se è una cosa che abbiamo vissuto personalmente e messo in pratica quello che stiamo scrivendo, scriviamolo creando così un caso di studio vissuto sul campo.

Essere informali

Cerchiamo di mettere il più possibile a suo agio il nostro lettore, dando un tono amichevole alla conversazione. Scriviamo come se stessimo parlando ad un amico. In questo modo il lettore si sentirà più coinvolto nella conversazione.

Pertinenza fra titolo e contenuto

Il titolo è il biglietto da visita di presentazione del nostro articolo, è la prima cosa che salta all'occhio del lettore. Quindi oltre che richiamare l'attenzione deve essere coerente con quanto poi scriviamo.

Rileggere sempre quello che scriviamo

Per scrivere un buon articolo dobbiamo partire dalla bozza scrivendo tutto quello che ci passa per la testa, senza tanto stare a preoccuparci della forma, è un'operazione che faremo successivamente. Dobbiamo iniziare con il mettere nero su bianco quello che vogliamo scrivere.

In seguito metteremo a posto la forma, ci preoccuperemo che il discorso scorra senza intoppi, sia privo di errori grammaticali, e soprattutto al nostro discorso daremo la forma che il pubblico si aspetta.

Fatta questa operazione rileggiamo più volte il testo, meglio se a distanza di qualche tempo, così da staccare e avere la mente libera da quello che pensavamo di scrivere e quello che abbiamo effettivamente scritto.

Creare un filo continuo con i lettori

La pubblicazione è solo la punta dell'iceberg di quello che arriva dopo la stesura. Inizia qui il momento in cui ci giochiamo la faccia e dobbiamo cercare di farci valere e raccogliere i frutti del nostro lavoro.

Dobbiamo essere capaci di creare un filo diretto coi nostri lettori, commentando e condividendo sui social network perché è questo che crea interesse intorno a noi, e più sarà commentato e condiviso tanto più attireremo l'attenzione.

Non mi resta che augurarvi un buon business writing.

Link:


Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere