Come creare una newsletter

March 29 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La newsletter è un potente mezzo di marketing che se ben usato può davvero incrementare il nostro business. Vediamo qualche semplice consigli per partire con il piede giusto.

Che cos’è una newsletter?

Per newsletter s’intende l’invio periodico di messaggi di posta elettronica agli utenti iscritti al servizio, con lo scopo di informare, aggiornare gli iscritti in merito alle novità pubblicate sul proprio sito, per informarli di particolari sconti a loro riservati nel nostro negozio sia che si tratti della vendita tradizionale che della vendita on-line.

Insomma è un mezzo che ci permette di inviare ai nostri iscritti una qualsiasi notizia riguardante il nostro sito internet che si tratti di novità o di particolari offerte commerciali.

La newsletter ha però anche un altro scopo, più sottile, quello di continuare a ricordare agli iscritti che esistiamo, cioè che la nostra azienda offre un prodotto o un servizio che gli interessa, altrimenti non si sarebbero iscritti. È la nostra lista di clienti potenziali o acquisiti, da stuzzicare al momento giusto con l’intento di fargli comprare un nostro prodotto/servizio.

Fatta questa premessa, vediamo quali sono i punti da tenere presente per una buona newsletter.

Fornire contenuti chiari e concisi

Il contenuto di una newsletter dovrebbe sempre essere breve quanto basta, per evitare di appesantire il messaggio di posta, e per non annoiare troppo il nostro iscritto. Testi lunghi non solo possono influenzare l’efficacia del messaggio che vogliamo comunicare attraverso l’e-mail marketing, ma sono anche invisi alla maggior parte dei client di posta elettronica: se non vogliamo finire direttamente nella cartella di spam, manteniamo l’e-mail leggera, evitando anche di inserire troppi elementi grafici.

Di fatto l’intento è quello di portare l’utente sul nostro sito, quindi quale modo migliore che iniziare un articolo con poche righe e poi mettere un link del tipo “Continua a leggere” oppure “Approfondisci” che rimandi alla pagina di interesse.

Usare un servizio smtp professionale

Il grosso problema di chi improvvisa newsletter, o più in generale delle newsletter, è quello dello spam, ossia che la nostra mail finisca nella cartella di posta indesiderata.

Giustamente per evitare un abuso, i comuni servizi di posta elettronica limitano il numero di invio giornaliero di mail, o comunque quando vedono un invio massiccio in poco tempo è inevitabile che le nostre mail vengano respinte per spam.

L’utilizzo dei comuni servizi smtp (simple mail transfer protocol), di fatto è il servizio che viene usato quando viene inviata una mail, senza questo servizio non potremmo inviare mail, può andare bene quando abbiamo un numero di iscritti molto esiguo, come qualche centinaio, ma quando i numeri crescono oltre le centinaia dobbiamo usare un servizio smtp atto allo scopo.

Queste piattaforme sono concepite allo scopo di inviare in maniera massiccia e-mail, e facilmente possono essere integrati nel nostro sito internet, ma possiamo anche usarlo per l’invio tramite il nostro client di posta.

Ci mettono anche a disposizione una piattaforma per creare la newsletter e pianificarne l’invio.

Con questo tipo di servizio abbiamo la garanzia della consegna del messaggio e non corriamo il rischio di finire nella lista nera degli spammer.

Selezionare il pubblico

Affinché la newsletter sia veramente efficace dobbiamo fare in modo che arrivi ad un pubblico veramente interessato ai nostri prodotti/servizi, quindi sì all’invio a coloro che si sono iscritti spontaneamente attraverso il sito internet, sì all’invio a coloro che in passato hanno fatto un acquisto presso di noi o semplicemente ci hanno contattato per avere informazioni, ma assolutamente no all’invio a indirizzi e-mail presi a destra e a manca dal web o acquistati da banche dati.

L’invio a indirizzi reperiti in questo modo è un abuso della newsletter e non fa altro che creare fastidio nella gente col rischio di ottenere l’effetto contrario a quello desiderato.

Piuttosto è bene stimolare l’iscrizione spontanea attraverso il sito, senza eccessivamente tempestare gli utenti con fastidiosi pop-up automatici. Meglio frasi del tipo: “Iscriviti alla newsletter per essere costantemente aggiornato”, o similari.

La regola degli otto secondi

Ultimo consiglio per creare una newsletter davvero efficace è quello riguardante la regola degli otto secondi: dal momento in cui l’e-mail che abbiamo inviato sarà ricevuta e visualizzata dal destinatario, abbiamo solo otto secondi per catturare la sua attenzione e coinvolgerlo. Per questo motivo, è fondamentale costruire il corpo del messaggio in modo tale che la parte più allettante e coinvolgente sia posta nella parte iniziale, per attirare il lettore e incuriosirlo incoraggiandolo alla lettura.



POTREBBE INTERESSARTI
Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere