Home articoli Hi-tech Articolo

Cos’è un server dedicato

November 22 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il server è una parte fondamentale del tuo progetto su Internet. Esistono varie soluzioni, ma se ne hai uno tutto per te è meglio…

Hai bisogno di informazioni sui server? Giga.it può indicarti varie strade percorribili, a seconda delle tue esigenze organizzative ed economiche. Infatti, i servizi di hosting sono concepiti per accontentare una gamma più ampia possibile di clienti. In molti, per risparmiare, optano per una soluzione condivisa, vale a dire per un server utilizzato pure da altri siti. Può andar bene per un po’; ma se – come ti auguriamo – la tua attività commerciale prende quota proprio grazie alla rete e hai necessità di spazi (virtuali) meno angusti? In tuo soccorso arriva, per l’appunto, il server dedicato.

Quando si parla di server…

…s’intende un computer! Ma con una funzione specifica: il suo sistema operativo ha l’incarico di custodire ogni file impiegato nel tuo website.
e un eventuale visitatore digita l’indirizzo corrispondente, è il tuo server a mandare una risposta al suo browser mostrandogli i contenuti delle tue pagine. L’unico inconveniente è che nel server in questione potrebbero “convivere” gli ingombranti contenuti di altri siti.
In un server cosiddetto “dedicato”, invece, albergano unicamente i dati e le informazioni di un solo titolare. Un sistema al quale passare, come accennato, quando ti accorgi che quotidianamente alcune migliaia (o più) di persone cliccano sulle notizie da te inserite.

Disponibilità di risorse

È abbastanza chiaro che, qualora tu sia costretto a “razionare” la memoria, la banda e le altre dotazioni del server, le tue possibilità di movimento sono limitate. Invece con un server esclusivo non devi preoccuparti di nulla: tutte le risorse fanno riferimento alla tua “creatura”.

Manutenzione e gestione più agili

Da un lato, il server condiviso ti solleva da qualche grattacapo. Infatti, è compito del provider occuparsi della gestione del sito e controllarne il buon funzionamento. In tal senso, esistono varie scelte convenienti (sia per rapidità della navigazione sia per qualità dell’assistenza), e se sei alle prime armi ti consigliamo di valutarle.

Tuttavia, se pensi sia già il momento di agire con maggiore autonomia, hai due possibilità. La prima prevede che configuri, amministri e monitori il sito da solo, ma hai già capito che se non sei abbastanza esperto non fa per te. Nella seconda devi affidarti a un servizio dedicato, delegando i tecnici del provider da te prediletto: saranno loro a seguire l’andazzo al posto tuo. Per far questo, naturalmente, esistono delle tariffe.

Questione di sicurezza

Anche senza raccogliere troppe informazioni sui server, puoi facilmente immaginare che la sicurezza è uno degli aspetti prioritari in un contesto simile. Dunque, se tutto quel che concerne il tuo sito diventa tuo appannaggio esclusivo (sempre nel caso in cui te la cavi da solo), allora sarai responsabile dell’installazione di adeguati programmi di protezione, dei firewall e di tutto ciò che possa fattivamente scongiurare gli attacchi dei pirati informatici o la disgraziata insinuazione di qualche virus. Quando invece ti metti nelle mani del provider, ci pensa lui.
Nell’ulteriore scenario del server condiviso, oltre a tener conto dell’esposizione evidentemente accresciuta ai malware, fai attenzione: sebbene i motori di ricerca stiano diventando sempre più “bravi” a distinguere le caratteristiche dei siti ospitati nella medesima “casa”, può sempre capitare che le possibili irregolarità – di solito lo spam – di un tuo “coinquilino” ricadano sul tuo lavoro, facendoti finire in qualche indesiderabile “lista nera”.    

Il rendimento cambia

Forse anche qui non c’è bisogno di eccessivi ragionamenti: laddove hai a disposizione tutto lo spazio, la performance è migliore; se ti tocca stare insieme ad altri, rallenti. Il server dedicato ha capacità superiori, sopporta volumi di traffico consistenti e regge nel tempo.
Certo, se condividi il server puoi sempre avere la fortuna di “abitare” con dei siti non molto pesanti e con esigenze relative. Ma è una scommessa, non contarci più di tanto.

Il fattore della flessibilità

Un altro ostacolo in cui ci si imbatte quando si decide di appoggiarsi a un server condiviso riguarda la personalizzazione.
Si tratta di una soluzione che offre poco altro rispetto al pacchetto base, quindi devi accontentarti di agghindare i tuoi contenuti con quel che c’è. Al contrario, con il server esclusivo la flessibilità aumenta, e sei disposto ad aggiungere qualche extra le possibilità sono pressoché sconfinate.

Il server dedicato ti interessa?



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere