Come aprire un negozio di abbigliamento online: 3 passi

June 29 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ecco come aprire un negozio di abbigliamento online con i nostri 3 passi da seguire per un’attività legale al 100%.

Vi piacerebbe aprire un negozio di abbigliamento online ma non sapete da dove cominciare? I negozi di abbigliamento online possono divenire in breve tempo un vero e proprio successo se gestiti bene e aperte tenendo conto di una serie di fattori molto importanti. Difatti, prima di possedere una piattaforma web ed iniziare a vendere, è essenziale tenere ben a mente alcune cose davvero importantissime per gestire il tutto nella dovuta legalità.
Ma di cosa stiamo parlando? Scopritelo in questa guida.

1. Valutate le questioni burocratiche

Nonostante si tratti di un negozio “virtuale” ci sono delle questioni burocratiche da tenere a mente. Innanzitutto aprire una Partita Iva, dopo registrare la propria azienda al Registro delle Imprese e successivamente presentare la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) al proprio Comune di riferimento. Dopo aver fatto ciò, dovrete scegliere la piattaforma web da usare per il vostro sito, che contengono servizi hardware, software e backup. È importante considerare sempre piattaforme in grado di gestire servizi di e-commerce e non soltanto di siti vetrina.

2. Servizio di spedizioni

Ovviamente un negozio di abbigliamento online si serve di corrieri e spedizioni per poter fornire la merce alla clientela pagante. Ebbene, in questo caso cercate di contattare e stabilire delle proficue collaborazioni con i corrieri, in modo da salvaguardare le vostre spese e quelle eventuali del cliente. Potete anche decidere di contattarne di diversi, farvi lasciare i preventivi e poi ragionare su ognuno. È certo che le cose da considerare sono i costi e soprattutto la velocità di ogni spedizione: elementi da sempre molto valutati da chi decide di fare acquisti online.

3. Promuovete il sito

Dopo aver valutato tutto ciò, realizzato il sito, contattato i corrieri e così via, arriva il momento di farsi conoscere sul web. In questo caso, potete decidere di farvi aiutare da professionisti che si occupano di digital pr, ma potete anche fare tutto da soli. Potete, ad esempio, decidere di promuovere la vostra azienda su Facebook oppure aprendo una pagina Instagram; potete lavorare con il servizio advertising di Google o dello stesso social di Zuckerberg, al fine di attrarre una clientela molto specifica e scelta grazie ad una serie di filtri come il sesso, l’età e la città di provenienza. Insomma, le strade da percorrere sono davvero molteplici. basta solo scegliere quella più affine alla vostra strategia.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere