Home articoli Societa Articolo

Autovelox sul lato sbagliato? La multa è illegittima

October 26 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Breve analisi di approfondimento di una recente ordinanza della Corte di cassazione, che ha sancito un principio di diritto molto interessante, da applicarsi nei casi di violazioni di norme del Codice della strada

E’ illegittimo il verbale emesso per violazione dei limiti di velocità qualora quest’ultima sia stata rilevata attraverso un impianto di controllo automatico collocato su un lato della carreggiata differente a quello previsto dal decreto prefettizio che ne ha autorizzato l’installazione: è questo, in sintesi, il principio di diritto statuito con l’ordinanza n. 23726 dell’1 ottobre 2018, con la quale la Corte di cassazione ha risolto una questione di particolare attualità in senso favorevole agli automobilisti.

Nel caso di specie, il Comune di Macchia d’Isernia aveva emesso, nei confronti di una società, un verbale per violazione dell’art. 142 del Codice della strada, contestando il superamento dei limiti previsti per quel determinato tratto di strada. La società presentava ricorso innanzi la competente Autorità, ottenendo l’annullamento del provvedimento sanzionatorio in quanto l’accertamento era stato effettuato tramite autovelox posizionato sul lato opposto della carreggiata, rispetto a quello specificamente individuato tramite provvedimento prefettizio.

La sentenza del giudice di merito, confermata anche in secondo grado, veniva impugnata dall’Ente locale dinnanzi la Corte di Cassazione la quale, con la richiamata ordinanza, ha statuito espressamente che “qualora il decreto prefettizio abbia previsto la legittima installazione lungo un solo senso di marcia … ed, invece, l’accertamento sia stato effettuato mediante la rilevazione di un autovelox posizionato sul contrapposto senso di marcia, ne consegue che – difettando a monte l’adozione di uno specifico provvedimento autorizzativo – il relativo verbale di contestazione differita della violazione di cui all’art. 142 C.d.S., debba ritenersi affetto da “illegittimità derivata”.

"Si tratta di un principio di diritto molto interessante, pronunciato in relazione ad un tema di estrema attualità - afferma l'Avvocato Claudio Messina, titolare dello Studio legale Messina & Partners - e che purtroppo, non sempre, viene applicato in modo corretto da parte degli Enti locali. Per tale ragione non appena si riceve una multa, o in generale un provvedimento di natura sanzionatoria, è fondamentale porre in essere un'analisi dettagliata del quadro normativo di riferimento, nonché di tutti gli elementi rilevanti nel caso di specie, così da poter impostare al meglio la propria strategia difensiva".



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Claudio Messina
Titolare - Studio Legale Messina & Partners
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere