Home articoli Societa Articolo

Auto usate meglio saperle comprare: 500L tra i pochi difetti lo sterzo a scatti

April 10 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L'elettronica era problematica all'inizio, poi anche il piantone, adesso tutte queste difficoltà sono state superate e l'usato è più facile da acquistare.

L'informazione è essenziale quando si deve acquistare un'auto usata, sapere quali sono i difetti del modello prescelto, se sono gravi, piuttosto che già risolti direttamente dalla casa costruttrice, aiuta sicuramente a ridurre le titubanze, evitare dubbi e procedere maggiormente sicuri e spediti durante le proprie decisioni.

Tra le auto usate in vendita presso le concessionarie multimarca, si può trovare la 500L, monovolume di grande successo, nonostante gli inconvenienti avuti con le prime produzioni, proprio durante i primi anni del suo esordio, dovute principalmente alle problematiche relative al piantone e qualche imperfezione diffusa, circa l'elettronica.

Il costruttore ha superato tutte le difficoltà, una alla volta, per questo è bene sapere che in sei anni di vita, sin da subito, le noie hanno interessato soprattutto il servosterzo elettrico per l'appesantimento del volante in fase di sterzo, addirittura fino a diventare mobile solamente a scatti, infatti per sopperire a questa fastidiosa lacuna, le concessionarie hanno sostituito in garanzia l'intero piantone, risolvendo definitivamente questa problematica, forse la più sostanziale.

Anche l'elettronica è stata migliorata: Oggi l'usato è più sicuro

Il successo dell'auto è la conferma che ogni difetto in realtà e stato superato con l'aiuto della casa madre, in seguito alle segnalazioni degli utenti ed oggi si può dire che questo modello è il risultato perfetto di un veicolo di nuova generazione perfettamente riuscito, robusto ed affidabile che ha comunque dovuto superare le iniziali difficoltà dovute anche alle bobine nelle versioni TwinAir.

Le principali segnalazioni a riguardo, provenivano dall'inefficiente dispositivo Start&Stop, soprattutto per le edizioni turbodiesel, fino a quattro anni fa, mentre per la motorizzazione bicilindrica 0.9 TwinAir ad alimentazioni benzina sono state le vibrazioni a preoccupare, in concomitanza all'uso eccessivo dell'impianto di climatizzazione, problematiche entrambi risolte con la riprogrammazione della centralina.

Sempre nelle prime versioni prodotte, si sono verificati anche alcuni guai al sistema multimedia, infatti talvolta risultava del tutto dormiente al momento dell'accesione dell'automobile, oppure evitava di”dialogare” con gli smartphone, mentre con il passare degli anni e delle versioni prodotte e commercializzate, si sono superate tutte questi difettucci, lasciando comunque sul mercato un prodotto made in Italy del tutto valido per gli automobilisti della nostra penisola, piuttosto che di quelli d'oltralpe, affezionati alle vetture prodotte nel nostro paese.

Durante il secondo anno di vita della L, è stata commercializzata la versione Natural Power, e per scongiurare l'eventuale perdita di metano, sono state richiamate oltre 100 auto per una verifica ed eventuale messa a punto con il serraggio dei tubi relativamente al riduttore, mentre proprio all'inizio, con le uscite dei primissimi modelli in commercio, anche di altre tipologie di alimentazione, si è dovuto sopperire ad eventi di tilt dei chip che in alcuni casi hanno determinato sporadiche anomalie di funzionamento per il sistema bluetooth, la porta Usb e a volte anche la radio.

Superate tutte le difficoltà, l'usato circola su strada in diverse versioni

Le versioni che si notane circolare di più in strada sono quelle a gasolio, hanno qualche anno di vita, soprattutto le 1.3 Multijet da 84 Cv, piuttosto che le 1.6, sempre Mjt, questa volta sia da 105 che 120 Cavalli, la sensazione che ha l'automobilista con queste versioni, si definisce nell'avere un mezzo che dispone di una grande abitabilità, dovuta al tetto alto e abitacolo generoso negli spazi che regalano una buona accoglienza.

Risulta essere dotata di una buona praticità, principalmente dovuta alla possibilità di richiudere il sedile anteriore destro a “portafogli”, per il divano posteriore scorrevole ed il pavimento del baule disposto su tre livelli differenziati, allo stesso modo anche alla guida l'automobilista può avere la netta sensazione di essere a bordo di una vettura che dona un'ampia visibilità su strada.

Licenza di distribuzione:
Leonardo Boi
Web Marketing Strategist - PMR STUDIO WEB
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere