Allergia ai crostacei: sintomi e trattamento

June 26 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ecco la guida utile sui sintomi e trattamento dell’allergia ai gamberi, gamberetti, astici e a tutti gli invertebrati appartenenti ai crostacei.

I crostacei (gamberi e gamberetti, mazzancolle, scampi, aragoste, astici etc.) sono organismi invertebrati subacquei che, se consumati in antipasti, primi e secondi piatti, possono cagionare in alcuni soggetti allergie ed intolleranze alimentari. In questi casi gravi, addirittura, si presentano vere e proprie intossicazioni e shock anafilattici. Ecco la guida utile sui sintomi e trattamento dell’allergia ai gamberi, gamberetti, astici e a tutti gli invertebrati appartenenti ai crostacei.

Allergia ai crostacei: informazioni utili

L'allergia ai crostacei è molto diffusa ed è anche piuttosto pericolosa; infatti, da diverse ricerche scientifiche è emerso che questa forma di allergia alimentare detiene il primato assoluto di ricoveri ospedalieri. Può essere generalizzata a tutti i crostacei oppure può riguardare soltanto alcune specie (gamberi, gamberetti, astici, etc.). Si tratta di una reazione immunomediata nei confronti di determinate sequenze peptidiche ed i sintomi si manifestano in seguito all’ingestione di tali specie ittiche: non necessariamente, però, si verifica una reazione immediata, anzi a volte possono passare anche molte ore prima che si manifestino i sintomi riconducibili all’allergia ai crostacei.

I sintomi dell’allergia ai crostacei

I sintomi dell'allergia ai crostacei possono essere molteplici, possono avere diversi livelli di intensità e di gravità: nella maggior parte dei casi analizzati, tendono a svilupparsi dopo pochi minuti dal consumo delle pietanze a base di crostacei. Tra i più comuni sintomi troviamo:
• orticaria, prurito, eczema
• gonfiore che si può estendere al viso, alle labbra, alla lingua e alla gola o anche ad altre parti del corpo
• respiro difficile, congestione nasale, problemi respiratori, tosse
• dolore addominale, crampi, indigestione, diarrea, nausea, vomito
• vertigini, svenimenti, pallore, confusione mentale
• sensazione di formicolio alla bocca
• problemi di deglutizione e raucedine
• bradicardia
Nei casi estremi si può verificare reazioni allergiche molto gravi: gli shock anafilattici sono pericolosi per la vita di ogni essere vivente in quanto possono interferire in maniera significativa con la respirazione. I sintomi dell'anafilassi comprendono: gola profonda e nodo alla gola con difficoltà respiratorie, shock con grave calo della pressione sanguigna, polso rapido, vertigini, stordimento, perdita di coscienza.

Il trattamento e le cure dell’allergia ai crostacei

L'unico modo sicuro per poter evitare una reazione allergica ai crostacei è quello di evitare di consumarli ed eliminarli completamente dal proprio regime alimentare. Bisogna stare particolarmente attenti quando ci si reca al ristorante: occorre verificare che la padella o gli altri utensili utilizzati per i molluschi non siano stati utilizzati anche per preparare altri cibi, altrimenti si rischia una contaminazione. È importante anche leggere le etichette dei vari cibi che si acquistano: tutte le aziende alimentari sono obbligate a dichiarare gli ingredienti dei prodotti che possono contenere anche piccole quantità di frutti di mare o di crostacei che possono essere causa di reazioni allergiche.
È consentita, invece, la consumazione del pesce (specie quello azzurro e liscato: acciughe, sardine, orata, branzino, merluzzo, nasello, etc.). Nonostante le innumerevoli attenzioni, vi è sempre una piccola percentuale di rischiosità nell’entrare in contatto con i crostacei e, in questi casi, è necessario saper trattare i sintomi dell’allergia.
Nel caso di una lieve reazione allergica è possibile utilizzare farmaci antistaminici e corticosteroidi che possono ridurre alcuni dei principali sintomi come le eruzioni cutanee ed il prurito. Ciò consente di alleviare notevolmente il disagio esperito. In caso di anafilassi, invece, ci troviamo davanti ad un'emergenza medica che richiede un’iniezione di epinefrina: per questo chi soffre di allergia ai crostacei dovrebbe avere sempre a portata di mano farmaci auto-iniettabili; in caso contrario, dovrà recarsi al pronto soccorso.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere